Rivarolo: i rapinatori che hanno colpito a Sparone e Colleretto Castelnuovo restano in cella

05/07/2016

CONDIVIDI

I carabinieri stanno investigando per appurare se la coppia di giovani rivarolesi è implicata nella rapina di Salassa

L’udienza di convalida del fermo si è conclusa questa mattina con la decisione assunta dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Ivrea di confermare la custodia nel carcere di Burolo dei due giovani rapinatori arrestati, lo scorso venerdì a Castellamonte, dai carabinieri della Compagnia di Ivrea. Carlo Giachin Taborin (a sinistra nella foto) 20 anni e Patric Di Carlo di 26 anni, entrambi residenti a Rivarolo Canavese, resteranno dunque in cella. Prima di essere arrestati i due malviventi avevano compiuto due rapine: una nella panetteria di Sparone e l’altra nel negozio di alimentati e tabaccheria di Colleretto Castelnuovo.

Alle tredici, al termine di un rocambolesco inseguimento i due rapinatori sono incappati nei posti di blocco istituiti dai militari dell’Arma. I due giovani sono stati arrestati con l’accusa di rapina aggravata. Per effettuare i due “colpi”, compite con il voto nascosto da un passamontagna, i due rapinatori avevano utilizzato una pistola caricata con pallottole a salve. Nell’auto utilizzata dai due giovani rivarolesi i carabinieri hanno rinvenuto i due passamontagna, il revolver a salve e il denaro frutto delle due rapine: 260 euro in tutto. Gl’investigatori stanno indagando per verificare se la coppia è implicata anche della rapina effettuata il giorno precedente nella tabaccheria di Salassa che aveva fruttato un bottino di circa 1.500 euro.

Dov'è successo?

Leggi anche

19/10/2019

Tragico incidente stradale sull’ex statale 460 tra Leinì e Lombardore: due morti e quattro feriti

Due morti e quattro feriti: è il tragico bilancio di un terribile incidente stradale che ha […]

leggi tutto...

19/10/2019

Ivrea, detenuto 35enne tenta di impiccarsi in cella. Salvato in extremis dalla polizia penitenziaria

Un detenuto italiano di origini sudafricane, 35enne, in carcere per omicidio, condannato all’ergastolo (ergastolo), mentre si […]

leggi tutto...

19/10/2019

Il presidente della Regione Alberto Cirio visita le eccellenze imprenditoriali del territorio canavesano

Il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio si è recato nella mattinata di giovedì 17 ottobre […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy