05/05/2020

Cronaca

Teknoservice, l’azienda scende in campo in Canavese per sanificare i luoghi di lavoro

CONDIVIDI

Con l’avvio della Fase 2 dell’emergenza Coronavirus la maggior parte delle attività produttive può riaprire, ma i negozi dovranno attendere il 18 maggio, mentre parrucchieri ed estetisti l’inizio di giugno. E’ obbligatorio però sanificare gli ambienti, nel rispetto del D.L.82/94 e del D.M.274/97, sia per le aziende che per i condomini e le attività commerciali in genere. E’ dunque necessario avvalersi di imprese specializzate, in possesso dei requisiti tecnici richiesti dalla legge e quindi in grado di rilasciare le certificazioni degli interventi eseguiti.

“La nostra azienda – spiega Alberto Garbarini, direttore generale di Teknoservice Italia – effettua regolarmente attività di sanificazione anti-microbica, virucida e battericida nel rispetto delle disposizioni del Dpcm dell’11 marzo 2020, delle misure preventive anti-contagio Covid-19 e della circolare del Ministero della Salute N. 5443 del 22 febbraio 2020, nonché del documento tecnico dell’Inail sulla possibile rimodulazione delle misure di contenimento del contagio da SARS-CoV-2 nei luoghi di lavoro. Scendiamo in campo per affiancare tutte le realtà produttive nelle attività di tutela ambientale e nella prevenzione del Covid-19. L’attività di sanificazione è effettuata con l’uso di prodotti autorizzati dall’Istituto Superiore della Sanità, nonché tramite l’ozono, attraverso tecnologie sofisticate. E’ attivo il numero verde 800/615622, con il quale è possibile richiedere un sopralluogo tecnico per avere i necessari ragguagli operativi sugli interventi di sanificazione da attuare”.

L’ozono è riconosciuto dal Ministero della Sanità (Prot. N. 24482 del 31 luglio 1996) quale presidio naturale per la sterilizzazione degli ambienti contaminati da batteri, virus, spore ed infestanti. Il suo utilizzo inattiva la carica batterica e virulenta dei micro-organismi, oltre a debellare muffe, germi e acari dannosi per la salute. La sua efficacia arriva al 99,9% e non lascia residui negli ambienti. L’ozono raggiunge tutte le superfici, anche le più nascoste, per una sanificazione completa dei locali, che possono tornare ad essere fruibili già dopo due ore.

Il Decreto Legge n. 18 del 17 marzo 2020, (il cosiddetto “Cura Italia”), introduce il credito d’imposta in misura pari al 50% delle spese effettuate per la sanificazione, con un limite massimo di 20mila euro per ciascun soggetto richiedente.

28/10/2021 

Sanità

Covid, il Piemonte è in zona bianca. Icardi: “Dalle armi spuntate ai risultati virtuosi di oggi”

“Ci siamo trovati a combattere con le armi spuntate, ma se oggi il Piemonte è saldamente […]

leggi tutto...

28/10/2021 

Cronaca

Busano-Pont-Valperga-Oglianico: il presidente della Regione Cirio visita le aziende canavesane

Giornata canavesana per il presidente della Regione Alberto Cirio, che ha raccolto l’invito del consigliere Mauro […]

leggi tutto...

28/10/2021 

Cronaca

Ivrea, fumo dall’autobus alla fermata. “Salta” la corsa e i pendolari rimangono a piedi

Il fumo ha iniziato a fuoriuscire dal vano motore dell’autobus così l’automezzo non ha potuto effettuare […]

leggi tutto...

27/10/2021 

Politica

Castellamonte: Astrid Sento è il nuovo vice responsabile organizzativo regionale della Lega

La castellamontese Astrid Sento è la nuova vice responsabile organizzativo regionale della Lega in Piemonte. La […]

leggi tutto...

27/10/2021 

Sanità

Covid in Piemonte: oggi 228 nuovi contagi. Invariato il numero dei ricoveri in Rianimazione

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle 16,00 di oggi, mercoledì 27 ottobre l’Unità di Crisi […]

leggi tutto...

27/10/2021 

Sanità

Scuola, in Piemonte 21 focolai Covid e 185 classi in quarantena. Più colpiti i ragazzi dagli 8 agli 11 anni

Dal monitoraggio condotto dalla Regione Piemonte, nella settimana dal 18 al 24 ottobre, la situazione del […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy