27/10/2017

Cronaca

Incendi in Valle Orco: a Locana situazione ingovernabile. Il sindaco: “Intervengano i Canadair”

Locana

/
CONDIVIDI

Un autentico inferno dove le fiamme stanno lambendo le prime case: è allarme rosso a Locana in Valle Orco dove gl’incendi si spingono sempre più in alto, verso il Parco nazionale del Gran Paradiso: il sindaco Bruno Mattiet ha chiesto il riconoscimento dello stato di calamità naturale e l’intervento dei Canadair. La situazione, spiega il sindaco in un comunicato stampa pubblicato sul sito web del Comune, è ingovernabile.

“Nelle giornate di mercoledì 24 e giovedì 25 ottobre, due elicotteri, uno proveniente dalla Val d’Ossola e uno di Air Green, hanno continuato per le intere giornate dalle ore 8 fino alle ore 18 con lanci mirati sopra le fiamme per domare l’incendio raggiungendo circa 200 lanci giornalieri – si spiega nel comunicato -. Verso valle il fuoco ha ormai raggiunto le abitazioni delle frazioni Bosco, Bardonetto, Carlevria, Gascheria, Boschietto, fino a lambire il capoluogo ed in particolare raggiungendo la strada provinciale 460, con punti sensibili a ridosso della centrale di Iren Energia a Bardonetto e del Santuario della Madonna delle Grazie al Gurgo. Sul versante a monte degli abitati, invece ha ormai raggiunto il territorio del Parco Nazionale Gran Paradiso sopra alle frazioni di Montepiano e Barelli”. Il Comune ha chiesto la necessità di intervento, oltre ai Vigili del Fuoco e AIB presenti, a volontari con autobotti agricole, al fine di avere maggiore disponibilità di acqua e soprattutto l’intervento intensivo di canadair.

Gli abitati sono stati costantemente presidiati dalle Squadre AIB delle Aree 31 – 32 – 33 – 36 – 911 – 912 coordinate dall’Ispettore Provinciale Goglio Pio Graziano e dal Vice Ispettore Scarafiotti Roberto e dal Comandante Distaccamento di Zona Trione Danilo e dai Vigili del Fuoco.

“Fino ad ora si è lavorato con molto impegno e professionalità, purtroppo senza domare l’incendio tanto che il suo fronte è sempre aumentato raggiungendo un’estensione di circa 8 chilometri e continua ad espandersi verso il Parco Nazionale del Gran Paradiso” conclude Bruno Mattiet. La speranza, non ancora sopita, è che il fronte delle fiamme, che trovano facile presa nella vegetazione rinsecchita dalla prolungata siccità, possa essere finalmente fermato.

Dov'è successo?

30/10/2020 

Cronaca

Casi Covid a Cuorgnè: sospesa l’attività in quattro sezioni in due scuole dell’Infanzia cittadine

A causa di un caso positivo di Covid, l’Asl ha chiuso quattro sezioni in due scuole […]

leggi tutto...

30/10/2020 

Cronaca

Il Piemonte verso la didattica a distanza per le scuole superiori. Capienza ridotta per i mezzi pubblici

Una nuova ordinanza che contiene nuove norme per arginare il contagio anticovid nella Regione Piemonte: il […]

leggi tutto...

30/10/2020 

Sanità

Coronavirus in Piemonte: in forte risalita i nuovi contagi (+2719). In aumento anche i ricoveri in ospedale

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che alle 17,30 di oggi, venerdì 30 ottobre, […]

leggi tutto...

30/10/2020 

Cronaca

Tigotà, azienda leader per l’igiene, dona migliaia di litri di sapone liquido alle Agenzie formative

Tigotà, società leader in Italia nella vendita di prodotti per la pulizia della casa, l’igiene della […]

leggi tutto...

30/10/2020 

Sanità

Vaccino antinfluenzale in Canavese. L’Asl ai pazienti: “Non concentrate l’afflusso nei primi giorni”

Nell’ambito dell’Asl T04 anche quest’anno la vaccinazione antinfluenzale è effettuata dal proprio medico o pediatra di […]

leggi tutto...

30/10/2020 

Cronaca

Castellamonte: odissea al “Pit Stop” per i tamponi. La testimonianza dell’ex sindaco Gabriele Francisca

Per trasformarsi da Città della Ceramica a Città del Drive In sono bastati pochi giorni. Giusto […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy