16/05/2021

Cronaca

Domenica di lavoro nella roggia di Oglianico. Il Consorzio Irriguo pulisce e rinforza le difese spondali

CONDIVIDI

Gli uomini del Consorzio Irriguo Nord Ovest del Torrente sono al lavoro anche oggi, domenica 16 maggio, per pulire e rinforzare le difese spondali della roggia di Oglianico che confluisce nell’ormai “famigerato” Rio Levesa. Un lavoro impegnativo che ha l’obiettivo di evitare, per quanto sarà possibile, in assenza dello scolmatore di Valperga, allagamenti come quelli che hanno riversato, nei giorni scorsi, migliaia di litri di acqua e fango nelle abitazioni di via Vesignano a Oglianico. In questa operazione il Consorzio sta impiegando risorse economiche proprie e che ammontano ad almeno 50mila euro. In prima linea c’è anche l’ex sindaco di Oglianico e attuale presidente del Consorzio Irriguo Onorino Freddi.

Il nocciolo del problema è determinato dal fatto che l’intera collina di Belmonte, in caso di precipitazioni piovose, scarica tutta l’acqua nella roggia di Oglianico che si può considerare un’affluente del Rio Levesa. La maggiore portata di acqua avrebbe potuto essere smaltita senza problemi, se si fosse costruito lo scolmatore di Valperga che ha innescato roventi polemiche.

“Abbiamo la fortuna di poter contare sui privati – spiega Onorino Fredddi – perché dispiace dirlo, i sindaci sono finora stati poco collaborativi. Stiamo lavorando alacremente ben sapendo però, il problema non è soltanto causato dalla pulizia della roggia che attraversa il paese. Senza sinergia tra enti è sempre più difficile procedere alla difesa del suolo. Meno male che possiamo continuare sull’apporto degli imprenditori – conclude Onorino Freddi.

Ma i problemi sono tanti e vanno tutti affrontati. A cominciare da quello che affliggono il torrente Orco, il cui alveo si è spostato erodendo il terreno sul quale sorge la Massucco Srl. In sostanza ad essere “malata” è tutta la rete idrica territoriale, A Oglianico, come a Valperga, Salassa, Favria e Rivarolo Canavese. È soltanto con la stretta collaborazione tra amministratori, privati e Regione che si potrà rendere più sicuro l’Alto Canavese in un periodo in cui il clima monsonico fa cadere in un’ora tanta acqua quanta ne cade in sei mesi.

27/11/2021 

Sanità

Covid in Piemonte: il contagio continua a correre. Oggi 859 contagi e due decessi. 421 i guariti

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle 16,30 di oggi, sabato 27 novembre, l’Unità di Crisi […]

leggi tutto...

27/11/2021 

Cronaca

Castellamonte: proseguono i lavori per l’allargamento della strada lungo la “provinciale” di “Campo”

Proseguono i lavori per l’allargamento della strada lungo la strada provinciale 265 C03 di “Campo” dal […]

leggi tutto...

27/11/2021 

Eventi

Il “Centro Famiglie” di Rivarolo Canavese incontra i genitori per esplorare i cambiamenti familiari

Il “Centro Famiglie” di Rivarolo Canavese ha promosso due incontri dedicati all’adolescenza e alle genitorialità presso […]

leggi tutto...

27/11/2021 

Economia

Contributo di 7 milioni dalla Regione alle piccole e medie imprese per rinnovare il parco veicoli

Le micro, piccole e medie aziende con un’unità operativa attiva in Piemonte e che sono iscritte […]

leggi tutto...

27/11/2021 

Cronaca

Autostrada Torino-Milano: camion va a fuoco durante la marcia. Cinque ore per domare le fiamme

Notte d’inferno sull’autostrada A4 Torino-Milano nel tratto di strada compreso tra i centri abitati di Settimo […]

leggi tutto...

26/11/2021 

Eventi

Rivarolo Canavese: la mostra fotografica all’aperto “R-Esistiamo” diventa la cronistoria del Covid

Immagini eloquenti, a volte crude, impietose ma soprattutto umane: sono quelle scattate dal fotografo valperghese Piero […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy