29/04/2016

Cronaca

Canavese: parte la riforma delle Poste. La corrispondenza sarà consegnata a giorni alterni

Nomaglio

/
CONDIVIDI

Rivoluzione (in negativo) per la consegna della corrispondenza in 21 comuni dell’Alto Canavese e un numero non ancora precisato di centri abitati della Valchiusella. Dal prossimo mese di maggio, i postini delle Poste Italiane recapiteranno le lettere a giorni alterni: il lunedì, il mercoledì e il venerdì di una settimana e i martedì e i giovedì di quella seguente. Il primo comune a sperimentare la nuova metodologia sarà quello di Nomaglio.

Quella che il direttore generale delle Poste Gabriele Di Marzio, definisce “una riforma strutturale, con modalità logistiche di raccolta e distribuzione segmentate per aree e giorni della settimana” suscita timori che si credeva fossero sopiti per sempre. La medesima metodologia sarà adottata, in nome della razionalizzazione del servizio, per il prelievo della corrispondenza in cassetta, mentre rimane invariato il servizio di ricezione e spedizione presso gli uffici postali. Nella lettera inviata a Ellade Peller, sindaco di Nomaglio, l’alto dirigente specifica che la riforma non metterà a rischio la presenza degli uffici postali dislocati sul territorio ma riguarderà soltanto le modalità di raccolta e distribuzione della posta.

Il tono rassicurante della missiva non ha convinto del tutto il primo cittadino che teme, come molti altri suoi colleghi che alla fine l’operazione influisca sulla capillare presenza degli uffici postali, così utili alla popolazione valligiana costituita prevalentemente da anziani. Per buona misura, il sindaco ha contattato l’Anci e l’Uncem, esprimendo tutta la sua preoccupazione per una riforma che già inizia a penalizzare un servizio ritenuto essenziale. La sperimentazione, già attiva ad Alessandria e Cuneo, sarà avviata nei prossimi mesi anche nelle province di Biella, Torino e Vercelli.

Questi, al momento, i comuni ufficialmente interessati dalla riforma: Alice Superiore, Andrate, Azeglio, Bairo, Baldissero, Bollengo, Chiaverano, Cossano Canavese, Fiorano Canavese, Mazzè, Maglione, Orio Canavese, Palazzo Canavese, Piverone, Viverone, Quassolo, Quincinetto, Scarmagno, Settimo Vittone, Tavagnasco. La riforma entrerà a pieno regime entro la fine dell’anno, ma è prevedibile l’alzata di scudi dei sindaci sollecitati dal disagio subito dai cittadini.

Dov'è successo?

25/10/2021 

Sanità

Covid in Piemonte: oggi contagi dimezzati e un decesso. Invariato il numero dei ricoveri

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle 16,30 di oggi, lunedì 25 ottobre, l’Unità di Crisi […]

leggi tutto...

25/10/2021 

Eventi

“Ocktober Party” a Busano. Nel fine settimana hamburger e caldarroste per festeggiare l’Autunno

Avrà luogo il prossimo sabato 30 ottobre “L’Oktober Party” di Busano. L’atteso appuntamento si terrà presso […]

leggi tutto...

25/10/2021 

Cronaca

Previsioni meteo: maltempo nel Sud Italia. Stabile al Nord. Instabile il week-end

Ecco le previsioni meteo elaborate dal centrometeoitaliano.it Situazione sinottica caratterizzata da un campo di alta pressione […]

leggi tutto...

24/10/2021 

Sanità

Covid in Piemonte: oggi 160 nuovi contagi su oltre 35 mila tamponi. In risalita le terapie intensive

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle 16,00 di oggi, domenica 24 ottobre, l’Unità di Crisi […]

leggi tutto...

24/10/2021 

Cronaca

Aumentano i fondi a sostegno dei più fragili. La Regione Piemonte stanzia 2,3 milioni ai Centri per le famiglie

Grazie all’incremento delle risorse statali, la Regione Piemonte stanzia quasi 2,3 milioni di euro a favore […]

leggi tutto...

24/10/2021 

Cronaca

Quincinetto: cacciatore scivola per 200 metri sul fianco della montagna. Salvato in extremis

Un cacciatore di 40 anni, residente a Valchiusa, impegnato in una battuta nei pressi della Bocchetta […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy