Tragedia in Valle Orco: scialpinista 61enne di Castellamonte muore nei pressi del rifugio Jervis

Ceresole Reale

/

14/01/2017

CONDIVIDI

Sarebbe stata un'emorragia cerebrale a stroncare la vita di Roberto Tempo, 61 anni. A lanciare l'allarme è stato il compagno di escursione

I due scialpinisti si erano avviati di buon passo verso il rifugio Jervis che sorge ai piedi delle Levanne, nel cuore del Parco del Gran Paradiso: ma quella che doveva essere una tranquilla e piacevole escursione si è trasformata in una imprevedibile tragedia. Uno dei due scialpinisti, Roberto Tempo, 61 anni, residente a Castellamonte, ha accusato un improvviso malore mentre si trovava a quota 2.200 metri. E’ accaduto nella tarda mattinata di sabato 14 gennaio intorno alle 12,00.

A chiamare i soccorsi è stato il compagno di escursione che ha telefonato all’alla centrale operativa Cnsas Piemonte-Soccorso Alpino e Speleologico Piemontese. Sul luogo è intervenuto un elicottero del 118, ma non appena il personale sanitario ha potuto raggiungere l’infortunato, non ha potuto fare altro che constatarne il decesso, provocato, pare, da un’emorragia cerebrale.

Le operazioni di soccorso sono state supportate da una squadra della XII Delegazione Canavesana del Soccorso Alpino che si trovava in zona, impegnata nella preparazione della giornata “Sicuri con la Neve 2017” che avrà luogo domenica 15 gennaio a Ceresole Reale.

La salma dello sfortunato scialpinista è stata consegnata ai carabinieri della stazione di Locana. Ancora una volta le suggestive montagne della Valle Orco sono state funestate da un’altra, imprevedibile, tragedia.

Dov'è successo?

Leggi anche

Ivrea

/

18/07/2018

Sicurezza negli eventi, modificata la circolare Gabrielli. L’Uncem: “Non basta ancora”

È stata pubblicata mercoledì 18 luglio, la Direttiva del Ministero dell’Interno, firmata dal Capo di Gabinetto, […]

leggi tutto...

Ingria

/

18/07/2018

Ivrea, accusa l’ex marito di averla stuprata e poi ritratta: “Ho mentito per non perdere mia figlia”

L’accusa è una delle più infamanti per un uomo: quella di averla violentata e picchiata. Poi, […]

leggi tutto...

18/07/2018

Colleretto Giacosa: Tobias Haas è il nuovo direttore dell’Istituto di Ricerche biomediche

Tobias Haas è il nuovo Direttore dell’Istituto di Ricerche Biomediche “Antoine Marxer” RBM SpA di Colleretto […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy