San Giorgio: avvelenata da ignoti una colonia felina. Di sette gatti soltanto due sono sopravvissuti

San Giorgio Canavese

/

16/05/2019

CONDIVIDI

L'inqualificabile episodio ha avuto luogo nei pressi del castello. A rendere pubblico l'accaduto è stata l'associazione canavesana "Le Vibrisse" Onlus che mette in guardia i proprietari di felini

Soltanto due gatti della colonia felina che si trovava nei pressi del castello di San Giorgio Canavese, sono sopravvissuti allo sterminio per avvelenamento ad opera nei giorni scorsi di ignoti. A darne notizia è l’associazione onlus “Le Vibrisse” di Rivarolo Canavese. Dei cinque mici avvelenati l’ultimo è stato un micio di nome Tigro (nella foto) del quale si sono occupate le attivissime volontarie dell’associazione, ma nonostante gli siano state praticate tutte le cure del caso, il gatto è deceduto.

“Tigro ha combattuto, noi con lui. Flebo, cure.. ma nulla, alla fine ha sofferto molto ed ha comunque perso la vita. Di tutta la colonia felina sono rimasti solo in due, gli altri non ci sono più – scrivono i membri dell’associazione nella loro pagina social -. Ci rivolgiamo a te, essere spregevole, probabilmente ti sentirai vittorioso nella tua battaglia perché hai raggiunto il tuo scopo, ma sappi che hai perso totalmente in qualcosa di ben più importante, l’umanità! Vergognati di ciò che sei. Ciao Tigro. Perdona ciò che siamo”.

I sette gatti erano tutti in fase di sterilizzazione. I due sopravvissuti sono stati presi in carico dai volontari. E per evitare che al numero delle vittime dell’avvelenamento se ne possa aggiungere altre nel prossimi futuro i volontari raccomandano ai proprietari di felini di prestare la massima attenzione. “A tutte le persone che hanno gatti liberi di girare in zona Castello a San Giorgio Canavese, raccomandiamo la massima prudenza – avvertono -. I gatti sono curiosi, anche quelli che si fanno solo una passeggiata potrebbero essere in pericolo. Qualsiasi piccolo segnale di malessere portate immediatamente in ambulatorio veterinario i vostri animali”.

Leggi anche

16/10/2019

Cuorgnè: è attivo lo sportello d’ascolto per aiutare le donne vittime di maltrattamenti e violenza

L’Amministrazione Comunale della Città di Cuorgnè è ormai da diversi anni in prima linea nella lotta […]

leggi tutto...

16/10/2019

Castellamonte, in primavera il trasferimento del distaccamento dei vigili del fuoco nella nuova sede

Avrà luogo la prossima primavera il tanto atteso trasferimento del distaccamento volontario dei vigili del fuoco […]

leggi tutto...

16/10/2019

Rivara: il sacerdote antimafia don Luigi Ciotti inaugura l’anno accademico dell’Unitre

È stata una grande giornata quella di ieri, 15 ottobre, per l’Unitre di Rivara-Alto Canavese. In […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy