Rivarolo: nell’incendio della discarica abusiva alle Gave non c’erano sostanze pericolose

Rivarolo Canavese

/

23/07/2016

CONDIVIDI

Per ben due volte, nel mese di luglio, ignoti hanno illegalmente scaricato materiale al quale hanno dato fuoco nei pressi della riva dell'Orco

Gli esami di laboratorio eseguiti dall’Arpa regionale hanno ufficialmente escluso che nell’incendio della discarica abusiva della Gave, nei pressi del torrente Orco. Dove lo scorso 7 luglio ignoti hanno dato fuoco ad un ammasso di rifiuti, tra i qualii erano anche presenti pneumatici, fossero presenti rifiuti pericolosi e tossici. La relazione redatta dai tecnici dell’Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale è stata consegnata al sindaco Alberto Rostagno in seguito ad un secondo sopralluogo compiuto il 23 giugno, durate il quale sono stati effettuati nuovi prelievi di campioni. Toccherà adesso alla Teknoservice, società alla quale il Comune ha affidato la gestione della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti, di rimuovere i resti dell’ammasso di rifiuti. Un’operazione che costerà ai contribuenti rivarolesi 4mila 840 euro. Una cifra contenuta perchè ad andare a fuoco non stati materiali tossici perché, in questo caso, la bonifica non sarebbe costata meno di 10mia euro.

Le indagini compiuti dagli agenti della polizia municipale che hanno accuratamente esaminato ciò che era rimasto dei fusti anneriti dal fumo, non hanno dato esito positivo. Nessuna indicazione sulla provenienza del materiale smaltito illegalmente o poi bruciato. Non è la prima volta che alle Gave, in un punto particolarmente delicato del territorio per la prossimità del torrente Orco, si creano provvisorie discariche alle quale si dà successivamente fuoco. Nel pomeriggio del 2 luglio scorso, si era verificato un episodio similare. La zona tra l’altro è al riparo di occhi indiscreti e il passaggio di mezzi sospetti passa del tutto inosservato. Si deve alla prontezza dell’azione svolta ai vigili del fuoco del distaccamento volontario di Rivarolo se in ambedue i casi le fiamme sono state circoscritte prima che si estendessero alla folta vegetazione circostante. Quello delle discariche abusive che vengono poi date alle fiamme è un problema comune a diversi comuni dell’Alto Canavese. Ciò non toglie che si tratti di n fenomeno pericoloso, costoso, che in qualche modo andrebbe definitivamente sradicato.

Dov'è successo?

Leggi anche

14/08/2020

Aeroporto di Caselle: la Compagnia Blue Air annuncia collegamenti per Napoli, Alghero e Trapani

Crescono le operazioni di Blue Air in Italia con l’aggiunta di un aeromobile sulla base di […]

leggi tutto...

14/08/2020

Valperga: si fa male a una gamba e la ferita si infetta. Momenti di paura per un anziano 72enne

Si era ferito nella giornata di ieri, giovedì 13 agosto a una gamba mentre stava tagliando […]

leggi tutto...

14/08/2020

Castellamonte: tentativo di furto nella casa di Gloria Rosboch. I carabinieri sulle tracce del ladro

È penetrato all’interno del giardino della villetta dei genitori di Gloria Rosboch a Castellamonte ma quando […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy