Rivarolo Canavese: in carcere il “re delle truffe” e un trentenne di origine moldava

Rivarolo Canavese

/

19/06/2016

CONDIVIDI

I carabinieri della stazione di Rivarolo hanno eseguito due ordini di carcerazione

Era stato definito il “re delle truffe”. Ma la sua carriera è terminata in un cella del carcere di Ivrea. Ippolito Mesoraca, 64 anni, è stato arrestato dai carabinieri di Rivarolo Canavese perché deve scontare una pena, inflitta dal Tribunale di Torino, di tre anni e cinque mesi di reclusione. L’uomo è stato raggiunto da un ordine di carcerazione emessa dalla procura torinese e che gli è stata notificata dagli uomini dell’Arma di Rivarolo.

Contestualmente è finito in manette anche Maxim Popov, 30 anni, di origini moldave, condannato a otto mesi a tredici giorni di carcere per resistenza a pubblico ufficiale, lesioni e oltraggio a pubblico ufficiale. I reati contestati sono stati commessi dall’uomo nel 2013. Popov è stato condotto nella casa circondariale di Burolo.

Dov'è successo?

Leggi anche

19/10/2019

Tragico incidente stradale sull’ex statale 460 tra Leinì e Lombardore: due morti e quattro feriti

Due morti e quattro feriti: è il tragico bilancio di un terribile incidente stradale che ha […]

leggi tutto...

19/10/2019

Ivrea, detenuto 35enne tenta di impiccarsi in cella. Salvato in extremis dalla polizia penitenziaria

Un detenuto italiano di origini sudafricane, 35enne, in carcere per omicidio, condannato all’ergastolo (ergastolo), mentre si […]

leggi tutto...

19/10/2019

Il presidente della Regione Alberto Cirio visita le eccellenze imprenditoriali del territorio canavesano

Il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio si è recato nella mattinata di giovedì 17 ottobre […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy