Rivarolo Canavese: in carcere il “re delle truffe” e un trentenne di origine moldava

Rivarolo Canavese

/

19/06/2016

CONDIVIDI

I carabinieri della stazione di Rivarolo hanno eseguito due ordini di carcerazione

Era stato definito il “re delle truffe”. Ma la sua carriera è terminata in un cella del carcere di Ivrea. Ippolito Mesoraca, 64 anni, è stato arrestato dai carabinieri di Rivarolo Canavese perché deve scontare una pena, inflitta dal Tribunale di Torino, di tre anni e cinque mesi di reclusione. L’uomo è stato raggiunto da un ordine di carcerazione emessa dalla procura torinese e che gli è stata notificata dagli uomini dell’Arma di Rivarolo.

Contestualmente è finito in manette anche Maxim Popov, 30 anni, di origini moldave, condannato a otto mesi a tredici giorni di carcere per resistenza a pubblico ufficiale, lesioni e oltraggio a pubblico ufficiale. I reati contestati sono stati commessi dall’uomo nel 2013. Popov è stato condotto nella casa circondariale di Burolo.

Dov'è successo?

Leggi anche

20/08/2019

Firmato in Regione l’accordo per incentivare il ritorno degli immigrati nei Paesi d’origine

Vuole dare impulso al rimpatrio volontario assistito il progetto sperimentale contenuto in un accordo firmato il […]

leggi tutto...

20/08/2019

Ceresole, afflusso record di turisti. Il vicesindaco Mauro Durbano: “Merito di tutto il paese”

Ottimi risultati per la stagione turistica a Ceresole. Tantissime le presenze registrate e numerosi gli eventi […]

leggi tutto...

20/08/2019

Canavese: Poste Italiane investe nel decoro urbano e nei servizi destinati ai piccoli comuni

Sei nuovi Atm Postamat installati, 15 barriere architettoniche abbattute, 34 paesi interessati dal progetto “decoro urbano”, […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy