Nizza: camion falcia la folla e uccide 84 persone. Paura per gl’italiani e i canavesani in vacanza

Nizza

/

15/07/2016

CONDIVIDI

Un altro attacco terroristico ha seminato morte e terrore. Un franco tunisino ha travolto uomini, donne e bambini, prima di essere ucciso dalla polizia. L'Isis rivendica l'atto e annuncia nuove stragi

Si doveva festeggiare un giorno simbolo per la libertà francese: la caduta della Bastiglia, presa d‘assalto dai rivoluzionari il 14 luglio 1789. Un giorno di festa che si è trasformata, ieri sera, in una tragica ecatombe: 84 morti di diversa nazionalità, oltre un centinaio di feriti. La Francia, e con essa l’Europa è sotto attacco. Questa volta i terroristi hanno usato un camion per compiere la strage. Il mezzo pesante è stato lanciato alla folle velocità di 80 chilometri all’ora nella Promenade des Anglais, la celebre “passeggiata” che si affaccia sullo splendido mare della Costa Azzurra. Il camion ha percorso due chilometri, procedendo a zig zag per investire un maggior numero di persone fino a quando la polizia ha aperto il fuoco uccidendo il terrorista che si trovava al volante.

L’attentato ha avuto luogo interno alle 22,30: lo spettacolo pirotecnico era appena terminato e migliaia di persone passeggiavano serenamente lungo la Promenade. L’Isis (che ha rivendicato l’attentato) ha scelto appositamente il giorno in cui si festeggiava la caduta del castello simbolo della tirannia: la strategia del terrore tiene conto di ogni minimo particolare per fare in modo che la paura, il panico siano amplificate anche a livello inconscio. Il terrorista pare sia stati identificato: si tratta di un franco-tunisino di 31 anni. Sono ore d’ansia per i tanti italiani e canavesani che si trovano a Nizza per diporto e per le vacanze. Molti di loro hanno acquistato casa in città. Il camion di color bianco è entrato nella zona delimitata dalle transenne, le ha travolte e ha iniziato la sua folle corsa.

Almeno due delle vittime sarebbero di nazionalità italiana. Ma il ministero dell’Interno francese non ha ancora reso nota l’identità dei deceduti, in attesa di compiere ulteriori accertamenti. La guerra contro il terrorismo sembra essere ancora all’inizio, ma quello che preoccupa è che pochi uomini sia in grado di colpire ovunque e comune, in barba all’intelligenge e alle forze antiterrorismo.

E tra la lacrime versate per questo ennesimo e barbaro eccidio, i francesi riscoprono di essere ancora più vulnerabili. La festa della libertà, da ieri sera, non sarà più tale.

Dov'è successo?

Leggi anche

07/12/2019

Viverone: la magia del Natale rivive, tutti i week end, nei mercatini allestiti sulle rive del lago

Weekend dell’Immacolata: il periodo che da tradizione segna l’inizio del conto alla rovescia alle festività natalizie. […]

leggi tutto...

07/12/2019

Trasporti nei comuni montani, bonus del 50% per gli studenti delle scuole medie e superiori

La Regione Piemonte istituirà per l’anno scolastico 2019/2020 un buono trasporti per gli alunni delle scuole […]

leggi tutto...

07/12/2019

“Botti” illegali a Venaria. Sequestrati oltre 130 chilogrammi di esplosivo. Nei guai 4 ambulanti

Alcuni giorni fa, i carabinieri di Venaria Reale, in collaborazione con i colleghi del Nucleo Artificieri […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy