La sosta è scaduta? Per il giudice di pace la multa per il mancato rinnovo del ticket va annullata

Canavese

/

08/03/2019

CONDIVIDI

Nessuna normativa disciplina il mancato rinnovo del ticket quando lo stesso si protrae oltre il tempo per cui è stato effettuato il pagamento. La contravvenzione va fatta soltanto se non viene pagato il parcheggio

Quante volte è capitato di lasciare l’auto in sosta sulle “strisce blu” e dopo aver pagato il ticket si trovati sul parabrezza un verbale per aver omesso di rinnovare il pagamento? Il Giudice di Pace di Brindisi ha sentenziato che il mancato rinnovo del “ticket” non è sanzionabile. Il Comune può solo recuperare l’importo per il tempo non coperto dal pagamento. Il magistrato, con questa sentenza rivoluzionaria, ha accolto l’opposizione all’ordinanza ingiunzione perché la Prefettura assume la veste di convenuto sostanziale e rimborsato il contributo unificato.

La sentenza depositata il 28 febbraio scorso, confuta questo comportamento degli enti accertatori che operano solitamente con gli “ausiliari del traffico” stabilendo dei principi del tutto condivisibili e che Giovanni D’Agata, presidente “Sportello dei Diritti”, ha ritenuto utile segnalarli affinché tutte le amministrazioni che tariffano la sosta si comportino di conseguenza.

In sostanza: per il magistrato onorario, in casi di questo tipo, non sussistono i presupposti per l’applicazione dell’articolo 7 comma 1 lettera f) e comma 15 del Codice della Strada, in quanto la stessa norma disciplina e sanziona l’omesso pagamento del ticket per la sosta a pagamento, mentre nessuna normativa disciplina il mancato rinnovo del ticket quando lo stesso si protrae oltre il tempo per cui è stato effettuato il pagamento.

A giudizio del giudice brindisino, dunque, “il prolungamento della sosta oltre l’orario di competenza non è sanzionabile per violazione delle norme del codice della strada, ma consente all’ente proprietario dell’area il recupero delle somme dovute per il tempo non coperto dal pagamento del ticket, maggiorate delle eventuali penali stabilite da apposito regolamento comunale”.

Trattandosi di opposizione all’ordinanza-ingiunzione, alla Prefettura, che assume veste di convenuto in senso sostanziale in quanto resiste alla pretesa della pubblica amministrazione autrice del provvedimento opposto, nella fattispecie l’amministrazione comunale di Brindisi, non resta che soccombere e pagare anche le spese sborsate per il contributo unificato versato dall’automobilista. Ad averlo saputo prima…

Leggi anche

21/08/2019

La crisi minaccia il mercato della frutta. Confagricoltura: “Salviamo un settore già penalizzato”

“In Piemonte abbiamo una produzione frutticola d’eccellenza, apprezzata in Italia e all’estero. Ciò che dobbiamo cercare […]

leggi tutto...

21/08/2019

Rivarolo Canavese: il Comune spende 100 mila euro per rifare la copertura dell’ala sud del Castello Malgrà

Centomila euro per rifare la copertura situata nei pressi del camminamento merlato del castello Malgrà: è […]

leggi tutto...

21/08/2019

Ivrea, ragazza di 17 anni denuncia: “Il branco mi ha stuprata nel centro sociale”. Indaga la procura

Ha soltanto 17 anni la ragazza che ha denunciato di essere stata vittima di uno stupro. […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy