La Guardia di Finanza di Chivasso sequestra 11 mila articoli ritenuti pericolosi. Sanzioni per 380 mila euro

Chivasso

/

31/01/2019

CONDIVIDI

Sicurezza, gli agenti hanno individuato due esercizi commerciali, che sono situati all'interno del "Centro Commerciale Piemonte" di Settimo Torinese

Oltre 11mila articoli sanitari pericolosi o con false etichettature sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza di Torino, tra questi, migliaia di articoli come fasce elastiche ortopediche e tutori per arti inferiori. Sono state emesse sanzioni per oltre 370mila euro. E’ il bilancio di un intervento dei Finanzieri della Compagnia di Chivasso che hanno individuato due esercizi commerciali, che si trovano all’interno del “Centro Commerciale Piemonte” di Settimo Torinese, dove venivano venduti migliaia di prodotti senza alcuna indicazione circa i dati dell’importatore, la presenza di materiali o sostanze pericolose, le modalità di smaltimento e, soprattutto, le precauzioni d’uso di sicurezza che i bambini dovrebbero rispettare per giocare senza rischi, infatti, tra gli articoli tolti dal mercato dai Finanzieri, ci sono migliaia di giocattoli.

Ingente anche il sequestro di dispositivi medici: cavigliere, fasce elastiche ortopediche nonché tutori per arti inferiori, tutti articoli sprovvisti di una speciale etichettatura di conformità oltreché della certificazione della qualità del prodotto, il tutto con evidenti rischi per la sicurezza degli acquirenti. Numerose le irregolarità riscontrate dai Finanzieri: frode in commercio, violazione delle norme in materia di sicurezza dei giocattoli, false certificazioni di conformità e violazioni al codice del consumo.

Pesanti le sanzioni a carico dei due imprenditori, che sfiorano i 380mila euro. L’operazione rientra nel quadro delle attività svolte dalla Guardia di Finanza a tutela dell’economia legale e finalizzate a preservare il mercato dalla diffusione di prodotti non conformi rispetto agli standard di sicurezza imposti dalla normativa nazionale e dell’Unione Europea, anche perché il consumatore ha sempre il diritto di sapere come sta spendendo i suoi soldi.

Leggi anche

31/05/2020

Coronavirus in Piemonte: 9 i pazienti deceduti, 325 i guariti rispetto a ieri e 54 i nuovi contagiati

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che oggi, domenica 31 maggio, i pazienti virologicamente […]

leggi tutto...

31/05/2020

Rivarolo, “Aiutaci ad aiutare”. Ecco come destinare il 5X1000 ai Vecchi Pompieri 1912 Onlus

Sono sempre attivi i membri dell’Associazione “Vecchi Pompieri 1912” di Rivarolo Canavese, che in questi mesi […]

leggi tutto...

31/05/2020

Turismo in Canavese: riaprono le strade provinciali delle Valli di Lanzo e della Valle Orco

Rese famose in tutto il mondo dal passaggio del Giro d’Italia al Colle delle Finestre e […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy