Ivrea: il carcere è di nuovo nell’occhio del ciclone per gl’incontri a luci rosse tra finti gay e transessuali

Ivrea

/

13/07/2016

CONDIVIDI

Un transessuale era stato sorpreso in atteggiamenti intimi con un altro detenuto. Chi li aveva sorpresi ha sporto denuncia e la procura eporediese ha aperto un fascicolo

Tutto è iniziato con la querela per atti osceni in luogo pubblico presentata da un detenuto che aveva sorpreso prima in cella e poi nelle docce un transessuale brasiliano di 40 anni in atteggiamenti intimi inequivocabili con un altro detenuto di 36. Il carcere di Ivrea è ancora una volta nell’occhio del ciclone. Prima le aggressioni ai danni degli agenti penitenziari e adesso i rapporti sessuali tra gay ed eterosessuali. La voce ha fatto rapidamente il giro dell’istituto penitenziario. A confermare la notizia è anche l’Osapp, il sindacato che tutela e rappresenta gli agenti di polizia penitenziaria.

In sostanza, dal 2015 e l’inizio del 2016 le richieste di trasferimento nel reparto occupato dai transessuali avrebbero registrato un aumento decisamente anomalo. E per la maggior parte si trattava di detenuti eterosessuali che si spacciavano per gay. Lo scorso mese di aprile, su ordine del provveditorato e su richiesta della direzione della casa circondariale, la sezione è stata interdetta agli omosessuali che, nel frattempo, sono stati trasferiti nel carcere di Verbania. I problemi all’interno del carcere eporediese si sarebbero verificati dopo la sentenza Torregiani che di fatto prevede il regime delle celle aperte all’interno degli istituti di pena. L’Italia è stata costretta ad applicare il nuovo regime carcerario dopo la condanna emessa dalla Corte Europea dei diritti umani per la violazione dell’articolo 3 della Convenzione Europea dei Diritti. E, conseguentemente, se da dietro le sbarre i contatti non erano possibili, l’apertura delle celle è coincisa con l’inizio dei problemi: prima le segnalazioni e poi, dulcis in fundo, la denuncia. Intanto la procura di Ivrea ha aperto un fascicolo per atti osceni in luogo pubblico.

Adesso a Ivrea sono rimasti soltanto i transessuali. Se questo problema, sembra apparente risolto, a giudizio dell’Osapp rimane quello delle aggressioni ai danni degli agenti e nei confronti dei quali il sindacato chiede che direzione e istituzioni intervengano per garantire la sicurezza all’interno della casa circondariale.

Dov'è successo?

Leggi anche

16/10/2019

Cuorgnè: è attivo lo sportello d’ascolto per aiutare le donne vittime di maltrattamenti e violenza

L’Amministrazione Comunale della Città di Cuorgnè è ormai da diversi anni in prima linea nella lotta […]

leggi tutto...

16/10/2019

Castellamonte, in primavera il trasferimento del distaccamento dei vigili del fuoco nella nuova sede

Avrà luogo la prossima primavera il tanto atteso trasferimento del distaccamento volontario dei vigili del fuoco […]

leggi tutto...

16/10/2019

Rivara: il sacerdote antimafia don Luigi Ciotti inaugura l’anno accademico dell’Unitre

È stata una grande giornata quella di ieri, 15 ottobre, per l’Unitre di Rivara-Alto Canavese. In […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy