Ivrea: dal Lussemburgo il via libera alle indagini della procura sui conti esteri di Defilippi e Obert

Ivrea

/

17/09/2016

CONDIVIDI

Gl'inquirenti coordinati dal procuratore capo di Ivrea Giuseppe Ferrando, intendono appurare se vi sono conti riconducibili ai due ex amanti nei quali potrebbe essere transitato parte del denaro sottratto con l'inganno a Gloria Rosboch

La procura di Ivrea potrà controllare i presunti conti bancari esteri che potrebbero essere riconducibili a Gabriele Defilippi e l’ex complice e amante Roberto Obert che si trovano in carcere, con l’accusa di aver ucciso, in concorso, la professoressa di sostegno di Castellamonte Gloria Rosboch. La richiesta di rogatoria internazionale avanzata dalla procura eporediese è stata accolta dalle autorità del Lussemburgo, il Paese europeo nel quale si ritiene che gli assassini di Gloria abbiano aperto conti bancari nei quali potrebbero essere transitati anche i 187 mila euro sottratti con l’inganno e l’illusione alla povera insegnante trovata cadavere in un pozzetto di decantazione del percolato nell’ex discarica di Rivara.

Il procuratore capo di Ivrea Giuseppe Ferrando è deciso ad andare fino in fondo, sia sulla questione legata alla pistola semiautomatica che Gabriele aveva affidato a Roberto Obert, che sul denaro presumibilmente trasferito su conti all’estero: per questa ragione la procura ha richiesto la rogatoria internazionale anche al Principato di Monaco. In attesa della risposta, si inizierà ad indagare sui movimenti bancari lussemburghesi.

Ci vorrà tempo e per questo i magistrati inquirenti hanno richiesto una proroga di sei mesi per concludere le indagini in corso. Gloria Rosboch, 49 anni, quando denunciò l’ex allievo per truffa, firmò inconsapevolmente la sua condanna a morte. La donna, dopo una lunga corrispondenza epistolare con Gabriele, il giovane dai mille volti e dalle poliedriche personalità, si era fatta convincere a consegnargli i 187 mila euro (i risparmi di una vita suoi e degli anziani genitori) con l’illusione di costruire insieme al giovane una nuova vita in Costa Azzurra.

Un anno dopo, invece, la sua esistenza è terminata a causa di un brutale omicidio. Per quell’assassinio Defilippi e Obert, continuano ad accusarsi a vicenda. L’esame del conti bancari potrebbe, tra l’altro, aprire, al di là dell’omicidio Rosboch, nuovi e inediti scenari in questa vicenda che, giorno dopo giorno, rivela raccapriccianti particolari. Nel contempo l’avvocato difensore della famiglia Rosboch, Stefano Caniglia, ha chiesto il sequestro dei beni intestati a Caterina Abbatista, al figlio Gabriele Defilippi e a Roberto Obert.

L’obiettivo è quello di recuperare almeno una parte di quel denaro che è costata la vita all’ex professoressa. Il processo, a causa della proroga richiesta dagli inquirenti, potrebbe essere celebrato nei primi mesi del prossimo anno.

Dov'è successo?

Leggi anche

03/06/2020

Coronavirus: durante l’emergenza pestilenziale boom delle truffe ai danni di indifesi anziani

Nelle ultime settimane, con l’inizio della Fase 2 legata all’emergenza sanitaria Covid-19, è ripreso il fenomeno […]

leggi tutto...

03/06/2020

Coronavirus in Piemonte: drastico calo dei nuovi contagi. Leggero aumento dei decessi in ospedale

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte comunica che oggi, mercoledì 3 giugno, i pazienti virologicamente guariti, […]

leggi tutto...

03/06/2020

A Ivrea “l’alba di un nuovo giorno per l’umanità”. L’artista Joey Guidone dona un’opera pittorica all’ospedale

A Ivrea “l’alba di un nuovo giorno per l’umanità”. L’artista Joey Guidone dona un’opera pittorica all’ospedale. […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy