Volpiano: Comital-Lamalù: i cinesi assumono metà dei dipendenti e negano la cassa integrazione

10/12/2019

CONDIVIDI

Rovente assemblea nello stabilimento. L'assessora regionale al Lavoro Elena Chiorino: "Non possiamo accettare ricatti". Il sindaco Emanuele De Zuanne: "E' un vicolo cieco. C'è il pericolo del ritiro dell'offerta"

Doccia fredda per i lavoratori Comital-Lamalù: i cinesi assumono metà dei dipendenti e niente cassa integrazione.

Questa mattina, martedì 10 dicembre, negli uffici della Regione Piemonte di via Magenta a Torino, si è svolto l’incontro sulla situazione delle aziende Comital e Lamalu tra organizzazioni sindacali, curatori fallimentari e i rappresentanti del gruppo cinese Dingsheng interessato all’acquisto degli stabilimenti di Volpiano, alla presenza dell’assessora al Lavoro della Regione Piemonte Elena Chiorino e del sindaco di Volpiano Emanuele De Zuanne.

Dingsheng ha ribadito, come condizione per concludere l’acquisto, la volontà di riassumere, in più fasi, al massimo la metà dei 116 dipendenti attualmente in carico a Comital e Lamalu; la proposta è stata respinta dai rappresentanti sindacali e dichiarata “inaccettabile” dall’assessora Chiorino, e la riunione si è così conclusa senza alcun accordo. Nel pomeriggio di oggi si è svolta è un’assemblea dei lavoratori a Volpiano.

Commenta il sindaco di Volpiano Emanuele De Zuanne: “Abbiamo messo a disposizione una sala del Comune per la riunione dei lavoratori. Ora la situazione è complicata, perché da una parte vi è una proposta che oggettivamente è difficile da accettare ma che vede la possibilità per il 50 per cento dei dipendenti di avere un contratto di lavoro, in varie fasi, ed eventualmente anche per gli altri nel percorso successivo, e la Naspi per chi non verrà assunto; l’alternativa è nessuna soluzione, perché si prevede il ritiro dell’offerta e la chiusura di tutto”.

Duro il commento dell’assessora Elena Chiorino: “C’è un limite a tutto – attacca Chiorino – l’Italia e il Piemonte non possono accettare ricatti. Non comprendiamo né la ragione ‘culturale’ che impedisce agli investitori cinesi di accettare di chiedere gli ammortizzatori sociali e nemmeno il rifiuto dei curatori di una proroga”.

Leggi anche

18/01/2020

San Mauro Torinese: allestisce in casa una serra di marijuana. Arrestato custode di una scuola

Nella serata di venerdì 17 gennaio i carabinieri della stazione di Castiglione Torinese hanno scoperto, in […]

leggi tutto...

18/01/2020

Paura a Cafasse: in fiamme il Monte Basso. Gl’incendi domati dai pompieri e dai volontari Aib

Ancora fiamme e nelle Valli di Lanzo torna la paura. Il Monte Basso brucia di nuovo […]

leggi tutto...

18/01/2020

Dramma a Balangero: donna di 70 anni si getta nel vuoto dal balcone di casa e muore sul colpo

Il corpo di una donna dell’apparente età di 70 anni è stato trovato senza vita nel […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy