Cuorgnè, per riaprire il sipario del teatro servono ancora 55mila euro. Ci si appella ai privati

Cuorgnè

/

23/10/2015

CONDIVIDI

I privati che effettueranno contributi liberali, persone fisiche o aziende, potranno godere di particolari detrazioni

Occorreranno almeno due anni, ma entro l’estate del 2018 il teatro comunale che sorge nella centrale piazza Boetto, riaprirà i battenti e porterà il nome del cuorgnatese Tullio Pinelli. L’amministrazione comunale ha fatto la sua parte, la Fondazione Compagnia San Paolo di Torino e la Fondazione Crt anche: adesso all’appello mancano soltanto 55 mila euro per poter finanziare interamente i lavori di ristrutturazione e fare in modo che il sipario torni ad alzarsi sul palcoscenico dello storico teatro. Lo ha annunciato il sindaco di Cuorgnè Beppe Pezzetto nel corso della presentazione del progetto di crowdfunding che rientra nel contesto dell’Art Bonus promosso dal ministero dei Beni Culturali. L’iniziativa ha come obiettivo il coinvolgimento nel finanziamento di soggetti privati, siano essi persone fisiche o giuridiche che potranno godere, nel corso di un triennio, particolari agevolazioni fiscali.

Le opere di ristrutturazione riguarderanno in particolar modo il tetto dell’edificio che versa in condizioni di grave abbandono. Il progetto, elaborato dall’ufficio tecnico comunale prevede anche significativi modifiche dell’interno che deve rispettare le norme di sicurezza previste dalla vigente normativa in vigore. Il nuovo teatro sarà dotato di un accesso per i diversamente abili, locali di servizio, moderne uscite di sicurezza. L’intenzione dei progettisti è anche quella di recuperare interamente anche gli elementi architettonici presenti nella struttura prima della costruzione del teatro. Va sottolineato il fatto che la riqualificazione del teatro comunale rappresenta uno sforzo notevole non soltanto dal punto di vista finanziario ma anche da quello prettamente tecnico.

E’ bene sapere, infine, che chi effettua erogazioni liberali in denaro per il sostegno della cultura, infatti, potrà godere di benefici fiscali sotto forma di credito di imposta del 65% dell’importo versato nel 2015 e del 50% dell’importo versato nel 2016, detraibile in tre quote annuali di pari importo. Per informazioni è possibile contattare il numero 0124-655212 oppure scrivere una email all’indirizzo finanziario@comune.cuorgne.to.it

Dov'è successo?

Leggi anche

30/05/2020

Coronavirus, il presidente della Regione: “Abbiamo i numeri per riaprire i confini il 3 giugno”

Ospite di Tgcom24 il presidente Alberto Cirio ha affermato che “il Piemonte ha i numeri in […]

leggi tutto...

30/05/2020

Coronavirus in Piemonte: oggi, sabato 30 maggio 7 decessi e 82 contagi. Il Covid-19 rimane tra noi

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte comunica che oggi sabato 30 maggio, i pazienti virologicamente guariti, […]

leggi tutto...

30/05/2020

Chivasso, messaggio del sindaco Castello: “Abbiamo riaperto i mercati ma la prudenza è d’obbligo”

Pubblichiamo il messaggio che il sindaco di Chivasso Claudio Castello rivolge ai cittadini dove si fa […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy