Il Consorzio operatori turistici del Canavese riconosciuto ente di interesse regionale

13/05/2018

CONDIVIDI

La determina regionale è particolarmente importante non solo per il Consorzio ma per tutto il territorio. Il Canavese degli operatori turistici potrà costruire progetti con la Regione e con Turismo Torino e Provincia

Dal 20 aprile scorso la Regione Piemonte ha riconosciuto il Consorzio operatori turistici Valli del Canavese quale di rilevante interesse regionale. La decisione è stata comunicata al Consorzio il 10 maggio scorso.
E’ un traguardo e un punto di partenza per il Consorzio fondato nel 2012 da una ventina di operatori privati delle Valli del Canavese, con sede legale presso il Grand hotel a Ceresole Reale e sede operativa presso il comune di Rivara in Villa Ogliani. Il Consorzio è oggi costituito di circa 50 imprese (ricettive, ristoranti, produttori agroalimentari di eccellenza, tour operators ed operatori dei servizi) per un totale di circa 500 posti letto.

Il riconoscimento regionale, che viene ottenuto con il rispetto di una rigorosa serie di parametri e requisiti, – spiega il presidente Diego Baro – è particolarmente importante non solo per il Consorzio ma per tutto il territorio, in quanto ora il Canavese degli operatori privati del turismo avrà una propria voce sui tavoli regionali e potrà costruire progetti con la Regione e con Turismo Torino e Provincia. Il Consorzio operatori turistici Valli del Canavese – ha proseguito Baro – fa parte dunque del ristretto gruppo di 14 consorzi riconosciuti in Regione Piemonte, a fronte della cinquantina di consorzi operanti, ed è per noi un onore farne parte, insieme a territori oggi molto più importanti turisticamente quali Langhe e Monferrato o il lago Maggiore”.

Il Consorzio ha negli anni svolto numerose attività progettuali in ambito turistico, ricordiamo solamente l’organizzazione di pacchetti e proposte di soggiorno, Erbaluce Express (il bus che conduce alla scoperta delle cantine di Erbaluce, nato con Expo2015 e tuttora in attività), Strada Gran Paradiso (in collaborazione con una pluralità di enti e 11 comuni), l’ideazione dell’amaro di erbe Arduino, la realizzazione della app gratuita InCanavese e il recente accordo con il FAI come partner ufficiale a livello nazionale.

Il prossimo 21 maggio il Consorzio sarà con i propri chef e i propri prodotti a Genova per una degustazione dei vini canavesani presso Palazzo imperiale organizzata dall’Onav e dal Consorzio per la tutela e la valorizzazione dei vini Dogc Caluso e Doc Carema e Canavese.

Per ulteriori informazioni www.turismoincanavese.it

Dov'è successo?

Leggi anche

17/11/2019

Maltempo in Canavese: nelle Valli di Lanzo e in Valle Orco ancora case senza elettricità

“Ritengo gravissimo che l’energia elettrica nelle valli alpine e appenniniche, in particolare in diverse zone delle […]

leggi tutto...

17/11/2019

Oglianico: uno speciale albero di Natale realizzato con lana e uncinetto per aiutare chi è in difficoltà

Un albero di Natale fuori dai canoni classici, cucito con ago, filo, uncinetto e lana. Un’opera […]

leggi tutto...

17/11/2019

Levone: padre, madre e figlio 16enne spacciavano droga in casa. Due denunce e un arresto

Attività di contrasto dei carabinieri contro la criminalità diffusa nella provincia di Torino. 3 arresti e […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy