Canavese: da domani si apre la corsa ai saldi e il commercio spera in una boccata d’ossigeno

Canavese

/

04/01/2016

CONDIVIDI

In alcuni settori le vendite natalizie hanno registrato un saldo negativo rispetto allo scorso anno

Da domani mattina, con l’apertura degli esercizi commerciali, inizia la caccia ai saldi. A Ivrea, Cuorgnè, come a Rivarolo e in tutto il Canavese, si stima che una famiglia su due effettuerà acquisti per oltre 300 euro. Un giro d’affari milionario che costituisce per l’economia commerciale territoriale una vera e propria salutare boccata di ossigeno. Le vendite natalizie non hanno registrato il boom sperato. L’industria dei regali si è attestata sui valori dello scorso anno: come di consueto si è speso di più nei settori alimentari e dell’hi-tech. Da domani, sperano gli operatori, anche le altre categorie merceologiche potranno rimettersi in pari con le mancate vendite del periodo natalizio.

Non tutti i commercianti però sono ottimisti: il trend, soprattutto per quanto riguarda l’abbigliamento ha registrato, in Canavese, circa il venti per cento in meno rispetto allo scorso anno e non pochi titolari sono convinti che, anche con i saldi, i clienti acquisteranno soltanto lo stretto necessario. In molti hanno atteso l’inizio delle vendite scontate per effettuare gli acquisti che avrebbero voluto compiere nel periodo festivo. Si spera che la corsa ai saldi risollevi, anche se temporaneamente, il settore del commercio che deve fare i conti con un saldo negativo tra chiusure e nuove aperture.

Dov'è successo?

Leggi anche

22/02/2018

Caselle, torna il parcheggio a pagamento. Adesso si potranno usare bancomat e carta di credito

A Caselle, dopo mesi di parcheggio libero e a volte caotico, tornano le strisce blu: dal […]

leggi tutto...

22/02/2018

Salerano: Ottino si dimette da sindaco, il prefetto scioglie il consiglio e commissaria il comune

Lascia l’Italia per raggiungere la famiglia in Portogallo e Salerano, comune di poco più di 500 […]

leggi tutto...

22/02/2018

Borgaro: i vandali danneggiano il monumento del Grande Torino. Ed è polemica

Non c’è limite all’imbecillità e non c’è limite alla mancanza di rispetto per la memoria dei […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy