Al via la collaborazione sinergica tra sanità pubblica e privata per ridurre le liste d’attesa

Canavese

/

12/11/2015

CONDIVIDI

nei prossimi giorni sarà possibile effettuare le ecografie addominali anche nelle strutture accreditate dalla Regione

Ridurre le interminabili liste di attesa per effettuare esami diagnostici e clinici? E possibile grazie alla collaborazione sinergica tra pubblico e privato. L’azienda Sanitaria To4 di Ivrea, Ciriè, Chivasso sarà al centro di un innovativo progetto varato dalla direzione sanitaria dell’Asl e voluta dal direttore generale Lorenzo Ardissone che, in questo modo, ha intenzione di affrontare di petto l’annoso e cronico problema delle eterne liste d’attesa.

E, in attesa di disporre dei risultati dall’analisi sui tempi di erogazione delle prestazioni, da una prima valutazione alcuni esami quali, ad esempio, le ecografie addominali, possono essere eseguite anche nelle strutture accreditate senza alcun costo aggiuntivo nè per l’utente e neanche per l’azienda pubblica. Questo è, secondo Lorenzo Ardissone, il valore della collaborazione tra sanità pubblica e privata che deve essere finalizzata al conseguimento di un risultato comune: alleviare il disagio degli utenti e fornire un tempi brevi i referti diagnostici. La direzione generale dell’Asl ha recentemente incontrato i responsabili delle strutture dei laboratori privati accreditate dal Servizio Sanitario Regionale e che si sono dichiarate disponibili a collaborare con l’Azienda sanitaria pubblica.

D’ora in poi sarà possibile effettuare gli esami convenzionati nelle seguenti strutture sanitarie: Il Malpighi Centro Diagnostico di Chivasso, la Nuova Lamp di Settimo Torinese, la Clinica Eporediese di Ivrea e Villa Grazia di San Carlo Canavese. Saranno proprio le strutture private a contattare telefonicamente i pazienti in lista d’attesa per effettuare le ecografie addominali. I nominativi deli utenti, spiega Lorenzo Ardissone, sono state suddivisi per area territoriale di residenza in modo che i cittadini possano usufruire di un’alternativa vicina al luogo in cui abitano.

Gli utenti dovranno pagare il ticket previsto o avvalersi dell’esenzione se si possiedono i necessari requisiti. Se contattato, l’utente non ha l’obbligo di accettare di eseguire l’esame presso le strutture accreditate e può continuare ad attendere la prestazione prenotata all’Asl.

Dov'è successo?

Leggi anche

San Maurizio Canavese

/

24/09/2018

Lavoro: McDonald’s apre un ristorante a San Maurizio Canavese e cerca 40 dipendenti

La catena internazionale di fast food McDonald’s apre un nuovo ristorante a San Maurizio Canavese e […]

leggi tutto...

Ivrea

/

24/09/2018

Economia: Patrizia Paglia è il nuovo presidente di Confindustria Canavese. Subentra a Fabrizio Gea

L’alladiese Patrizia Paglia, amministratore delegato della Iltar-Italbox Industrie Riunite di Bairo, è il nuovo presidente di […]

leggi tutto...

24/09/2018

Rivarolo: i misteri del Vaticano nel dibattito tra Fabrizio Bertot e Francesca Immacolata Chaouqui

Sarà una serata destinata ad accendere la curiosità ma che farà anche discutere: nel contesto della […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy