Ivrea: donna tenta il suicidio soffocandosi con un sacchetto. Salvata dal maresciallo dei carabinieri

Ivrea

/

29/05/2017

CONDIVIDI

La prontezza di riflessi del maresciallo Edis Barettino è stata determinante: dopo aver sfondato la porta è giunto appena in tempo per evitare che la donna si togliesse la vita

Aveva chiamato il 118 per avvisare di quello che avrebbe fatto di lì a poco, la donna 54enne che venerdì sera, verso le 19.00, in un comune dell’eporediese a nord di Ivrea, ha tentato di suicidarsi soffocandosi con un sacchetto di plastica in testa. I due carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Ivrea impegnati nel servizio di perlustrazione quella sera, avvertiti dai vigili del fuoco e dal personale del 118, si sono immediatamente portati nel comune dove vive la donna. Sono quindi scattate le ricerche, condotte da piccoli gruppi formati da carabinieri e personale del 118, per individuare l’esatta ubicazione della abitazione.

È stato un residente ad indicare ad uno dei militari quale fosse la abitazione della donna, sita al piano terreno di uno stabile. Ivi giunto, il maresciallo Edis Barettino ha citofonato più volte senza ricevere alcuna risposta dall’interno. A quel punto si è portato presso la porta finestra chiusa da dentro, a sua volta protetta da una porta di sicurezza costituita da una grata in metallo, anch’essa chiusa a chiave. Il maresciallo è riuscito dapprima ad aprire la porta finestra in vetro, notando la donna distesa immobile sul divano. Ha provato quindi a chiamarla più volte ad alta voce ma senza ricevere alcuna risposta.

La donna aveva un sacchetto di nylon calzato sulla testa e annodato all’altezza del collo che non le permetteva di respirare. A quel punto il militare ha afferrato con forza la porta di sicurezza in metallo e dopo alcuni tentativi è finalmente riuscito a smurare la stessa da un lato, guadagnando così l’accesso all’abitazione. Giunto all’interno ha subito strappato l’involucro di plastica che avvolgeva la testa della donna, riuscendo per tempo ad evitarne il soffocamento.

La 54 enne è stata quindi soccorsa dai sanitari del 118, che l’hanno poco dopo trasportata in ambulanza presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale di Ivrea, dove è stata ricoverata. Non si conoscono ancora i motivi dell’insano gesto.

Dov'è successo?

Leggi anche

Cuorgnè

/

15/12/2017

Cuorgnè: nuovo sito web in Comune per facilitare il rapporto degli utenti con la pubblica amministrazione

Dal 13 dicembre è on line il nuovo sito web del Comune di Cuorgnè realizzato secondo […]

leggi tutto...

Ivrea

/

15/12/2017

Ivrea, niente sale sulle strade ghiacciate: un centinaio di persone finisce in pronto soccorso

Oltre un centinaio di persone sono transitate nella giornata di ieri, giovedì 14 dicembre, nel pronto […]

leggi tutto...

Ivrea

/

15/12/2017

Ex dipendente dell’Olivetti scompare nel nulla da anni. La procura accusa il fratello di averlo ucciso

La procura di Catania ha chiesto il rinvio a giudizio di Salvatore Angemi, 55 anni, di […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy