Visite agli anziani in casa di riposo. I parenti polemizzano. La Regione: “L’epidemia non è finita”

09/07/2020

CONDIVIDI

Interrogazione in Consiglio regionale sulle restrizioni. L'assessore regionale alla Sanità Icardi: "Le ridurremo non appena saremo certi che l'epidemia è sotto controllo"

Visite agli anziani in casa di riposo. I parenti polemizzano. La Regione: “l’epidemia non è finita”.

Le restrizioni relative alla visita degli anziani in casa di riposo ha creato non poche polemiche sollevate dai parenti dei tanti pensionati ospiti nelle Rsa. Un disagio che è approdato in Consiglio regionale. In risposta ad un’interrogazione sugli indirizzi nelle Residenze sanitarie assistenziali, comprese le case di risposo, ha portato l’assessore alla Sanità Luigi Icardi a dichiarare che “capiamo il disappunto dei parenti per le varie restrizioni, ma esistono delle precise disposizioni alle quali non possiamo sottrarci. In più dobbiamo considerare che l’epidemia non è ancora finita”.

“È giusto considerare i disagi, ma neanche i maggiori esperti sono in grado di fornire certezze – ha proseguito l’assessore -. La Regione, alla luce delle indicazioni del Ministero della Salute e dell’Istituto superiore di Sanità, deve assumere decisioni di indirizzo sulla base dei dati epidemiologici del territorio. I responsabili delle strutture sanitarie pubbliche e private agiscono invece sulla base della conoscenza delle specifiche situazioni”.

Dopo aver ribadito che “sulle Rsa si sono dette e scritte anche tante cose non vere”, Icardi ha sostenuto che “gli indirizzi non sono legge, per cui possono essere interpretati e adottati a seconda delle specifiche necessità, dopo la valutazione del rapporto rischio-beneficio. Hanno lo scopo di ridurre il rischio di infezione dei nostri anziani, e saremo i primi, non appena si disporrà di qualche certezza in più, a proporre la riduzione delle misure di protezione”.

Leggi anche

30/09/2020

Volpiano: il 4 ottobre nella chiesa dei santi Pietro e Paolo il concerto della rassegna “Organalia”

Domenica 4 ottobre, alle 21, nella Chiesa parrocchiale dei Santi Pietro e Paolo (Piazza Vittorio Emanuele […]

leggi tutto...

30/09/2020

Ivrea: automobilisti più indisciplinati. In 6 mesi (lockdown compreso) multe per 1 milione di euro

Un milione di euro. Tanti ne incasserà il comune di Ivrea grazie alle multe elevate dagli […]

leggi tutto...

30/09/2020

Coronavirus in Piemonte: impennata di contagi in tutta la regione (+170), un decesso e 47 pazienti guariti

L’Unità di Crisi ha comunicato che alle 17,0 di oggi, mercoledì 30 settembre, i pazienti virologicamente […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy