04/08/2021

Sanità

Pandemia: la Regione Piemonte ha stanziato 10 milioni per finanziare la ricerca sul Covid

CONDIVIDI

La Regione Piemonte ha finora stanziato 10 milioni per la ricerca legata al Covid e con il bando Infra-P ha già finanziato 10 progetti presentati da laboratori pubblici. Inoltre, conta di proseguire il finanziamento del settore con ulteriori risorse da reperire nell’ambito della prossima programmazione dei fondi europei e del Pnrr.

A fare il punto della situazione è stato l’assessore alla Ricerca Covid Matteo Marnati, con il rettore dell’Università del Piemonte orientale Gian Carlo Avanzi, il vicerettore dell’Università di Torino Alessandro Vercelli, e la vicerettrice del Politecnico Laura Montanari. I tre Atenei piemontesi sono stati infatti fra i principali beneficiari dei contributi, su progetti molte volte in collaborazione fra loro o con altri enti, come l’Istituto Zooprofilattico e le aziende sanitarie.

Due le linee di finanziamento: una riguardante il potenziamento delle tecnologie e dei laboratori e della stessa ricerca finora finanziata con tre milioni complessivi, e una per la sperimentazione a livello industriale delle nuove soluzioni individuate dai centri universitari, quest’ultima finora finanziata con 3,6 milioni. Altri progetti sono in arrivo e saranno finanziati probabilmente entro fine agosto.

“Tutto questo – ha affermato Marnati – andrà a rafforzare il sistema sanitario piemontese, servirà per salvare persone, migliorare le cure e la qualità della vita. Il Piemonte vuole vuole essere una Regione di eccellenza in questo campo. Guardando la programmazione europea 2021-27 e il Pnrr le risorse sono molte: il nostro obiettivo è riuscire a intercettarle. Investiamo, e investiremo, nella ricerca insieme ai nostri atenei, centri di ricerca e imprese, con un modello che punta a lavorare in squadra e unire le forze contro le malattie”.

I progetti finanziati spaziano dai nuovi caschi per la ventilazione che consumano meno ossigeno di quelli tradizionali a parità di supporto dato alla respirazione del paziente realizzati dall’Università del Piemonte Orientale, ai test molecolari salivari messi a punto dall’Università di Torino con lo Zooprofilattico, dagli studi sull’aerosol fatti dal Politecnico con l’obiettivo di prevenire l’infezione del virus a quelli che coinvolgono Università e Asl Città di Torino per l’applicazione di modelli matematici innovativi sullo studio delle varianti.

03/10/2022 

Sanità

Asl T04, la Cardiologia di Chivasso partecipa al tour itinerante dell’Aisc sullo scompenso cardiaco

L’Asl T04, con la Cardiologia Chivasso diretta dal dottor Claudio Moretti, partecipa al tour itinerante dell’Associazione […]

leggi tutto...

03/10/2022 

Sanità

Covid, in Piemonte contagi in rialzo. Il Governatore Cirio rassicura: “Conta il numero dei ricoveri”

Il Covid? Non è mai scomparso come qualcuno crede. Dopo aver dato vita a diverse varianti, […]

leggi tutto...

03/10/2022 

Cronaca

Transumanza, una tradizione che continua. Cortese: “Ecco il suono gioioso dei campanacci”

Cambiano i tempi, spesso in peggio, scompaiono le tradizioni ma quella della transumanza è uno di […]

leggi tutto...

03/10/2022 

Cronaca

Incendio nella notte a Nole: a fuoco un camion e materiale da costruzione all’esterno di una ditta

Un incendio si è sviluppato nella notte di ieri, domenica 2 e oggi, lunedì 3 ottobre […]

leggi tutto...

03/10/2022 

Appuntamenti

A Cossano Canavese torna la caratteristica “Sagra del fungo” con un programma ricco di eventi

Sabato 8 e domenica 9 ottobre a Cossano Canavese torna la Sagra del Fungo, giunta alla […]

leggi tutto...

03/10/2022 

Cronaca

Previsioni del tempo: nella prima settimana di ottobre, tornano il sole e il caldo estivo

Queste le previsioni del tempo per martedì 4 ottobre, elaborate dal centrometeoitaliano.it AL NORD Tempo asciutto […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy