08/12/2018

Cronaca

Omicidio Rosboch: inizia il processo d’Appello. Gabriele Defilippi chiederà uno sconto di pena

CONDIVIDI

Con l’avvio del processo d’Appello che avrà luogo lunedì 10 dicembre in tribunale a Torino, l’omicidio dell’insegnbante castellamontese ritorna ancora una volta alla ribalta della cronaca. In aula torneranno l’assassino reo confesso della donna di 49 anni Gabriele Defilippi, condannato a 30 anni di reclusione dopo il processo celebrato con il rito abbreviato, e il maturo amante Roberto Obert (58 anni) di Forno Canavese. La tragica morte della donna, vittima di una truffa di 187 mila euro perpetrata dall’ex allievo, è stata ripercorsa nella trasmissione televisiva “Quarto Grado” in onda nella serata di ieri 7 dicembre su Retequattro, condotta dallo scrittore e giornalista Gianluigi Nuzzi e dalla collega Alessandra Viero.

Di recente Gabriele Defilippi, che si trova detenuto nel carcere “Lorusso e Cutugno” di Torino, si è iscritto alla facoltà di Scienze Politiche. Studierà in carcere con l’obiettivo, come ha dichiarato, di rifarsi una vita e chiedere con questo suo manifesto cambiamento di vita, perdono agli anziani genitori di Gloria Rosboch. Gabriele Defilippi ha 23 anni. A 20 ha ucciso con fredda spietatezza, il 16 gennaio 2016, la sua ex insegnante che aveva illuso e alla quale aveva chiesto 187mila euro con la promessa di rifarsi una vita insieme in Costa Azzurra.

La donna, ammaliata, gli crede e gli consegna i soldi. Ma col trascorrere del tempo quando si rende conto di essere stata raggirata, denuncia Gabriele. Un gesto che le costerà la vita. La donna viene strangolata e il suo corpo viene ritrovato un mese dopo la scomparsa nel pozzetto dell’ex discarica di Rivara. La revisione del processo penale è stato chiesto dai difendori dell’assassino con l’obiettivo di chiedere uno sconto di pena di almeno 10 anni.

Se i giudici delibereranno in questo senso, fra poco meno di 20 anni Gabriele tornerà in libertà. Nel corso della trasmissione televisiva l’omicidio di Gloria Rosboch è stato ripercorso passo passo, compreso l’agghiacciante confronto in procura a Ivrea tra Roberto Obert (condannato a 19 anni di reclusione) e Gabriele Defilippi: un confronto nel quale l’uno accusava l’altro. Ma Gabriele Defilippi è davvero cambiato.

Il giovane di dichiara pentito e sostiene che il suo cambiamento è un modo per chiedere scusa. Non è più il poliedrico manipolatore di qualche anno fa o il suo cambiamento anche esteriore è funzionale al processo di Appello? Uno sconto di pena è anche quanto chiederà l’avvocato Celere Spaziante per il suo assistito Roberto Obert.

24/07/2021 

Sanità

Covid in Piemonte: oggi 161 nuovi contagi. Tre i ricoverati in Rianimazione. Nessun decesso in ospedale

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle 16,30 di oggi, sabato 24 luglio, l’Unità di Crisi […]

leggi tutto...

24/07/2021 

Cronaca

Nubifragio a Rivarolo: allagato il sottopasso di via Martiri delle Foibe. Albero sradicato in via Reyneri

Un violentissimo temporale ha spazzato il territorio di Rivarolo Canavese provocando allagamenti, in special modo nel […]

leggi tutto...

24/07/2021 

Ivrea: lo sportello di pubblica tutela funziona ma rischia la chiusura. No della Città metropolitana

L’Ufficio decentrato di pubblica tutela a Ivrea è stato inaugurato a giugno dello scorso anno e […]

leggi tutto...

24/07/2021 

Sanità

Covid in Canavese: da lunedì 26 luglio vaccini senza preadesione per i ragazzi tra i 12 e i 19 anni

Da lunedì 26 luglio accesso diretto agli hub per i 12-19enni. Le ragazze ed i ragazzi […]

leggi tutto...

24/07/2021 

Cronaca

Leinì: volevano mettere in piedi una “baby gang” dedita a furti e rapine. Nei guai quattro ragazzi

L’intenzione era quella di dare vita a una “baby-gang” sul modello di quelle che ormai spopolano […]

leggi tutto...

23/07/2021 

Cronaca

Chivasso: educatrice positiva al Covid. Chiuso il centro estivo alla scuola Mazzucchelli

Da oggi, venerdì 23 luglio e fino a lunedì 26 luglio, il centro estivo della scuola […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy