08/12/2018

Cronaca

Omicidio Rosboch: inizia il processo d’Appello. Gabriele Defilippi chiederà uno sconto di pena

CONDIVIDI

Con l’avvio del processo d’Appello che avrà luogo lunedì 10 dicembre in tribunale a Torino, l’omicidio dell’insegnbante castellamontese ritorna ancora una volta alla ribalta della cronaca. In aula torneranno l’assassino reo confesso della donna di 49 anni Gabriele Defilippi, condannato a 30 anni di reclusione dopo il processo celebrato con il rito abbreviato, e il maturo amante Roberto Obert (58 anni) di Forno Canavese. La tragica morte della donna, vittima di una truffa di 187 mila euro perpetrata dall’ex allievo, è stata ripercorsa nella trasmissione televisiva “Quarto Grado” in onda nella serata di ieri 7 dicembre su Retequattro, condotta dallo scrittore e giornalista Gianluigi Nuzzi e dalla collega Alessandra Viero.

Di recente Gabriele Defilippi, che si trova detenuto nel carcere “Lorusso e Cutugno” di Torino, si è iscritto alla facoltà di Scienze Politiche. Studierà in carcere con l’obiettivo, come ha dichiarato, di rifarsi una vita e chiedere con questo suo manifesto cambiamento di vita, perdono agli anziani genitori di Gloria Rosboch. Gabriele Defilippi ha 23 anni. A 20 ha ucciso con fredda spietatezza, il 16 gennaio 2016, la sua ex insegnante che aveva illuso e alla quale aveva chiesto 187mila euro con la promessa di rifarsi una vita insieme in Costa Azzurra.

La donna, ammaliata, gli crede e gli consegna i soldi. Ma col trascorrere del tempo quando si rende conto di essere stata raggirata, denuncia Gabriele. Un gesto che le costerà la vita. La donna viene strangolata e il suo corpo viene ritrovato un mese dopo la scomparsa nel pozzetto dell’ex discarica di Rivara. La revisione del processo penale è stato chiesto dai difendori dell’assassino con l’obiettivo di chiedere uno sconto di pena di almeno 10 anni.

Se i giudici delibereranno in questo senso, fra poco meno di 20 anni Gabriele tornerà in libertà. Nel corso della trasmissione televisiva l’omicidio di Gloria Rosboch è stato ripercorso passo passo, compreso l’agghiacciante confronto in procura a Ivrea tra Roberto Obert (condannato a 19 anni di reclusione) e Gabriele Defilippi: un confronto nel quale l’uno accusava l’altro. Ma Gabriele Defilippi è davvero cambiato.

Il giovane di dichiara pentito e sostiene che il suo cambiamento è un modo per chiedere scusa. Non è più il poliedrico manipolatore di qualche anno fa o il suo cambiamento anche esteriore è funzionale al processo di Appello? Uno sconto di pena è anche quanto chiederà l’avvocato Celere Spaziante per il suo assistito Roberto Obert.

27/10/2020 

Cronaca

Guerriglia urbana a Torino, il presidente Cirio: “Pene esemplari per i delinquenti”

Il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio stigmatizza le violenze che hanno caratterizzato una delle manifestazioni […]

leggi tutto...

27/10/2020 

Cronaca

Caluso: dopo la madre è morto anche il bimbo di 5 anni coinvolto in un tragico incidente stradale

E’ morto nella mattinata di ieri, lunedì 26 ottobre, il bambino di 5 anni vittima di […]

leggi tutto...

27/10/2020 

Sanità

Coronavirus: balzo in avanti del contagio. +2.458 casi positivi. 13 i morti a causa del Covid-19

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che, alle 19,30 di oggi, martedì 27 ottobre, […]

leggi tutto...

27/10/2020 

Cronaca

Covid-19 a Volpiano, chiusi l’ufficio anagrafe e l’asilo nido comunale per la presenza di casi positivi

L’ufficio Anagrafe del Comune di Volpiano è chiuso al pubblico da oggi, martedì 27 ottobre, fino […]

leggi tutto...

27/10/2020 

Cronaca

Ivrea: titolare di una piadineria multato di 400 euro per aver servito un cliente dopo le 18

Sanzione di 400 euro per aver servito una piadina a un cliente dopo le ore 18,00. […]

leggi tutto...

27/10/2020 

Cronaca

Nole, svaligiava le cassette delle offerte dei fedeli in chiesta. Arrestato dai carabinieri nomade 24enne

Lo hanno pedinato per parecchio tempo e alla fine i carabinieri lo hanno colto con le […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy