28/11/2019

Cronaca

Mangia un fungo velenoso e rischia di morire. Una donna è stata salvata con un trapianto di fegato

CONDIVIDI

All’apparenza il fungo raccolto dall’uomo pareva essere innocuo e persino di bell’aspetto: peccato che l’Amanita Phalloides sia una delle specie più velenose che esistano. Dopo averlo cucinato insieme ad altri funghi una coppia lo ha mangiato, convinto che si trattasse, probabilmente, di una specie di porcino. E per averlo ingerito una donna ha rischiato la vita. A salvarla sono stati i chirurghi dell’ospedale Molinette della Città della Salute di Torino con un trapianto di fegato urgente.

È accaduto nello scorso fine settimana. Nella notte di venerdì marito e moglie hanno accusati i primi sintomi dell’avvelenamento e sono stati trasportati all’ospedale di Chivasso. Ma mentre le condizioni di salute dell’uomo sono migliorate quelle della donna sono sensibilmente peggiorate tanto da richiedere prima il trasferimento nella terapia intensiva e poi nel reparto di rianimazione intensiva epatologica delle Molinette diretta dal dottor Antonio Ottobrelli. La diagnosi è stata infausta: necrosi epatica acuta.

Nel frattempo, la donna è stata traferita, dopo tutti gli accertamenti del caso, nel reparto di Rianimazione 2 delle Molinette e inserita in lista d’attesa in super urgenza nazionale per insufficienza epatica acuta. La paziente aveva davanti a sé soltanto 48 ore di vita. La fortuna ha voluto che in quel breve lasso di tempo sia giunto, grazie all’impegno del Coordinamento regionale trapianti piemontese diretto dal professor Antonio Amoroso, un fegato compatibile proveniente da un uomo deceduto in un’altra regione.

Martedì scorso, la donna è stata sottoposta a un lungo e delicatissimo intervento chirurgico effettuato dal professor Renato Romagnoli direttore del Centro trapianti di fegato. L’intervento è riuscito e la donna si trova in Rianimazione dove sta lentamente migliorando. Il marito è attualmente ricoverato nell’ospedale di Chivasso con una diagnosi di lieve danno epatico e danno renale acuto.

13/06/2021 

Eventi

Ceresole Reale: celebrata la festa dedicata a San Nicolao, patrono della “Perla delle Alpi”

Si è svolta oggi, domenica 13 giugno a Ceresole Reale la festa patronale dedicata a San […]

leggi tutto...

13/06/2021 

Cronaca

Hub vaccinali nelle imprese, la Confindustria: “In Canavese non sono necessari grazie all’Asl”

A marzo di quest’anno le aziende del Canavese hanno risposto con grande spirito di solidarietà e […]

leggi tutto...

13/06/2021 

Sanità

Covid in Piemonte: oggi un decesso e soltanto 59 contagi. I numeri sono sempre più incoraggianti

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle 15,30 di oggi, domenica 13 giugno, l’Unità di Crisi […]

leggi tutto...

13/06/2021 

Economia

Turismo: il Piemonte rilancia con 1,5 milioni di euro la formula “Paghi una notte ne dormi tre”

La Regione Piemonte ha deciso di rifinanziare il Voucher vacanze con 1,5 milioni di euro, che […]

leggi tutto...

13/06/2021 

Cronaca

Escursionisti dispersi o infortunati: sabato di gran lavoro per il Soccorso Alpino canavesano

Tre diversi interventi nell’arco di poche ore: è stato un sabato intenso quello dell’12 giugno, per […]

leggi tutto...

12/06/2021 

Cronaca

Arriva l’anticiclone africano e scoppia l’estate. Domenica 13 temperature fino a 36 gradi

Sarà un fine settimana all’insegna dell’estate rovente: l’arrivo, già ampiamente preannunciato dell’anticiclone proveniente dall’Africa ha causato […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy