16/09/2021

Cronaca

Fatture false e frode fiscale. La Finanza sequestra beni per 52 milioni di euro e una villa in Canavese

CONDIVIDI

I militari della guardia di finanza di Torino hanno eseguito nei giorni scorsi, nell’ambito dell’operazione “Zero assoluto”, un decreto di sequestro preventivo per oltre 52 milioni di euro emesso dal Giudice per le indagini preliminari nei confronti di 30 persone e 19 società, per le ipotesi di reato di dichiarazione fraudolenta e indebita compensazione di crediti fiscali inesistenti. Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica del capoluogo piemontese e condotte dai finanzieri del Nucleo di polizia economico-finanziaria Torino, hanno consentito di ricostruire un articolato sistema di frode che vedeva coinvolta una vasta rete di imprese, di cui alcune società “cartiere”, sprovviste di mezzi di produzione e formalmente intestate, per lo più, a prestanome nullatenenti, con la sola funzione di documentare operazioni mai avvenute.

Il meccanismo di frode prevedeva la precostituzione di crediti d’imposta, risultati poi inesistenti, che, attraverso il fraudolento ricorso agli istituti dell’accollo del debito tributario o della cessione del credito, sono stati quindi venduti, a circa il 35% dell’importo compensato, a soggetti terzi, in modo da consentirne la compensazione con reali debiti tributari, beneficiando così di un indebito risparmio delle imposte dovute, in molti casi ‘azzerando’ completamente le proprie posizioni debitorie nei confronti dell’Erario.

Le attività investigative sono state condotte anche mediante intercettazioni telefoniche, appostamenti, pedinamenti e perquisizioni, per i reati di dichiarazione fraudolenta ed utilizzo di crediti fiscali inesistenti relativamente al periodo dal 2017 al 2020. È inoltre emerso il coinvolgimento di 11 professionisti operanti in 8 regioni italiane (Piemonte, Marche, Toscana, Lazio Abruzzo, Campania, Puglia e Sicilia), nelle province di Torino, Asti, Ascoli Piceno, Pisa, Roma, Chieti, Napoli, Lecce e Agrigento che, in violazione dei propri doveri professionali, falsamente asseveravano le dichiarazioni fiscali di alcune società ovvero effettuavano, in prima persona, falsi versamenti di imposta. Tra i beni sequestrati figurano oltre 570 conti correnti, 37 immobili (tra cui una villa in Canavese) e 44 veicoli, compresa una Ferrari 599 GTO.

25/06/2022 

Economia

Agliè: la Hitherm festeggia i 10 anni di attività con un concorso artistico. In giuria Vittorio Sgarbi

Dieci anni di attività celebrati con un grande concorso premiato da una giuria presieduta dal noto […]

leggi tutto...

25/06/2022 

Cronaca

Chivasso: dopo essere diventato il re dei social, a Khaby Lame la cittadinanza italiana

Vive a Chivasso da oltre vent’anni, è diventato grazie al suo intuito e alla sua abilità […]

leggi tutto...

25/06/2022 

Cronaca

Pont Canavese: escursionista precipita per venti metri nella strada ferrata e finisce al Cto

Un altro incidente in montagna e più precisamente sulla strada ferrata di Pont Canavese. Protagonista dell’incidente, […]

leggi tutto...

25/06/2022 

Eventi

San Francesco al Campo, il presidente della Regione Cirio visita il “Velodromo Francone”

Venerdì 24 giugno il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio ha visitato il “Velodromo Francone” di […]

leggi tutto...

25/06/2022 

Cronaca

Previsioni del tempo: domani, domenica 26 giugno, torna l’instabilità in Piemonte e Canavese

Queste le previsioni del tempo per domani, domenica 26 giugno, elaborate dal centrometeoitaliano.it: AL NORD Al […]

leggi tutto...

24/06/2022 

Economia

Svolta all’Enasarco, il neopresidente Alfonsino Mei: “La Fondazione sia la casa di tutti”

Giovedì 23 giugno, per la prima volta nel corso dell’attuale consiliatura, il presidente Alfonsino Mei ha […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy