Emergenza Covid: a rischio i lavori all’ospedale di Ivrea? Il Nursind chiede chiarezza al Commissario

09/09/2020

CONDIVIDI

Giuseppe Summa, segretario territoriale del Nursind, il sindacato delle professioni infermieristiche: "Ad oggi non abbiamo visto alcuna delibera della Giunta Regionale che autorizza l'azienda sanitaria nel procedere con i lavori e soprattutto che preveda lo stanziamento di risorse economiche"

Il Nursind, il sindacato delle professioni infermieristiche non ha dubbi: la pandemia ha messo a nudo tutte le criticità strutturali dell’ormai sempre più vetusto ospedale di Ivrea ed è dalla fine del lockdown, che si è iniziato a parlare di lavori di ristrutturazione in previsione di una nuova ondata Covid.

“Sono mesi che attendiamo fiduciosi – dichiara, non senza una certa preoccupazione Giuseppe Summa del Nursind- l’inizio dei lavori, ma alla data odierna a pochi giorni dell’arrivo dell’autunno, della riapertura delle scuole, dell’arrivo dell’influenza e di un ipotetico iperafflusso di pazienti Covid, nulla è stato fatto. Per quanto ci è dato sapere, l’Asl T04 ha presentato tutti i lavori in Regione e successivamente sono stati inviati al Ministero a Roma. Ad oggi però non abbiamo visto alcuna delibera della Giunta Regionale che autorizza l’azienda sanitaria nel procedere con i lavori e soprattutto che preveda lo stanziamento di risorse economiche”.

Sulla vicenda, conferma Summa, le voci sono confuse e contrastanti e intanto i posti letto di rianimazione si sono trasferiti presso l’ex Utic che nei mesi scorsi è stato trasformato in reparto di terapia sub-intensiva Covid. “Da anni come sindacato abbiamo posto l’accento sulla mancanza di un reparto di terapia subintensiva e siamo contenti che oggi se ne parli concretamente, ma non vorremmo che tutto ciò fosse l’ennesimo bluff – afferma il segretario territoriale del Nursind -. Fra l’altro bisogna ricordare come l’Utic che dovrebbe essere accorpata al termine dei lavori alla rianimazione in un progetto assolutamente innovativo, al momento continua a restare al terzo piano in spazi assolutamente sacrificati”.

L’organizzazione sindacale sottolinea di aver inviato una richiesta di incontro al nuovo Commissario dell’Asl T04 Luigi Vercellino per conoscere tutti i dettagli in merito alla realizzazione dei lavori.

“Siamo preoccupati soprattutto per la tempistica, che dovrebbe prevedere tre mesi di tempo, ma ovviamente anche per la carenza di personale – conclude Giuseppe Summa -. Infatti, apprendiamo della possibilità di poter contare su 20 posti letto dedicati ai Covid e un secondo pronto soccorso per i pazienti non Covid. Ci chiediamo però con quali risorse tutto ciò sarà possibile. Continuiamo infatti a ricevere segnalazioni in merito a criticità di carenza di personale infermieristico e di supporto in diversi reparti e per quanto riguarda la Dirigenza Medica, il pronto soccorso e la medicina sono ormai garantiti quasi totalmente da personale della cooperativa. Comprendiamo che il nuovo Commissario si è appena insediato, ma i tempi stringono e auspichiamo che oltre al territorio e ai sindaci, si ricordi che esistono anche le organizzazioni sindacali”.

Leggi anche

28/09/2020

Incidente stradale a Foglizzo: scontro tra un ciclista e un’auto. Grave al Cto pensionato di 70 anni

Un pensionato 70enne è stato ricoverato in gravi condizioni di salute al Cto di Torino dopo […]

leggi tutto...

28/09/2020

Coronavirus: in discesa i nuovi contagi (+94 di cui 69 asintomatici). Nessun decesso. 42 i guariti

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che, alle 18,30 di oggi, lunedì 28 settembre, […]

leggi tutto...

28/09/2020

Oglianico: sabato 3 ottobre a teatro con il gruppo “Snoopi ’74” di Forno grazie alla Pro loco e alla sezione Avis

Seppure in un momento difficile come quello relativo all’emergenza Covid, la sezione comunale di Oglianico “Domenico […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy