11/11/2020

Cronaca

Covid: l’Unità di crisi revoca ferie, recuperi e riposi. Il Nursind: “Siamo a un punto di non ritorno”

CONDIVIDI

Il Nursind, il sindacato delle professioni infermieristiche, non è affatto ottimista sulla situazione caotica che regna negli ospedali piemontesi e canavesani. Posti letto a parte (i reparti di terapia intensiva sono quasi intasati) il grande problema irrisolto rimane quello della carenza di personale sanitario tanto che la Regione ha disposto il richiamo di tutti i reperibili nonostante medici e infermieri lavorino oltre 12 ore al giorno. Ma non basta: l’Unità di crisi del Piemonte ha inviato una nota urgente ai direttori generali e sanitari delle Asl piemontesi in virtù della quale il personale sanitario dovrà rinunciare alle ferie, ai riposi e al recupero delle ore.

“Se dopo l’emergenza affrontata a marzo e aprile scorsi pensavamo di aver visto il peggio, purtroppo dobbiamo ricrederci.  Ciò che stiamo vivendo negli ultimi giorni ci vede ben oltre lo scenario quattro. Siamo a un passo dalla fase del non ritorno, dove nonostante il massimo impegno del personale a breve non sarà più possibile garantire il diritto alle cure – spiegano alla segreteria regionale del Nursind a Torino -.  Con una medicina territoriale inesistente e le Usca in grave difficoltà, tutto il lavoro si sta concentrando nei vari ospedali. Basti pensare che lo scorso sabato presso il pronto soccorso di Chivasso si è toccata quota 104 pazienti in carico e circa 85 Covid positivi.  Uno scenario mai visto in tanti anni di lavoro”.

Il fatto che lo scorso sabato presso il pronto soccorso di Chivasso si è toccata quota 104 pazienti in carico e circa 85 Covid positivi e nonostante in tutta l’Asl T04 siano oltre 200 i dipendenti risultati positivi, 61 dei quali soltanto all’ospedale di Ivrea, a giudizio del Nursind, si è a un passo dal punto di non ritorno. Non è certo uno scenario confortante quello che delinea il sindacato delle professioni infermieristiche.

“E in tutto questo contesto la Regione cosa fa? Tra una richiesta di reclutamento di medici al posto di infermieri e un aiuto alle Ong, le aziende sono lasciate totalmente allo sbaraglio. Tende militari mai utilizzate e nel frattempo si continuano a riconvertire reparti in Covid senza personale o sottraendolo da altri reparti – afferma la segreteria del Nursind -. Addirittura, il DIRMEI vorrebbe aumentare i posti letto di rianimazione Covid a Chivasso senza anestesisti o sottraendo l’unica risorsa presente sul presidio di Cuorgnè.  Per questo abbiamo anche chiesto aiuto al Presidente della Repubblica Mattarella, affinché da Roma possano celermente intervenire sullo stato confusionale che regna in corso Regina a Torino”.

27/11/2022 

Cultura

“Libri per tutti” a Chivasso: la biblioteca lancia un progetto per la Comunicazione Aumentativa Alternativa

Nell’ambito del progetto “Libri per tutti”, la biblioteca civica “Movimente” di Chivasso propone un incontro di […]

leggi tutto...

27/11/2022 

Eventi

Ivrea: dibattito con l’ex ministro Paola Severino sulla nuova Pubblica Amministrazione

Importante appuntamento nel pomeriggio di ieri, sabato 26 novembre, presso i locali dell’Agenzia per lo Sviluppo […]

leggi tutto...

27/11/2022 

Cronaca

Incidente a Volpiano: donna di 34 anni muore in scontro in corso Europa. Due feriti in ospedale

Drammatico incidente stradale alle porte di Volpiano. Il bilancio dello scontro fatale tra una Citroen Ds3 […]

leggi tutto...

27/11/2022 

Cronaca

E’ morto a 78 anni Don Renato Vitali. La Comunità di Busano piange il suo amato parroco

E’ deceduto venerdì 25 novembre all’età di 78 anni, don Renato Vitali, ex parroco di Busano. […]

leggi tutto...

26/11/2022 

Cronaca

Covid-19: “Il Piemonte vi dice grazie”. Premiati a Leinì i volontari di coordinamenti piemontesi

Il Palazzetto dello Sport di Leinì ha ospitato nella mattinata di oggi, sabato 26 novembre, “Il […]

leggi tutto...

26/11/2022 

Cronaca

Venaria piange la scomparsa della “Miss” che amava i gatti. Il sindaco Giulivi: “Mancherà a tutti noi”

In tanti, tantissimi a Venaria Reale, hanno tributato l’estremo saluto a Lella Maldera, 92 anni, deceduta […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy