Tragedia ferrovia ad Arè: il macchinista deceduto sul colpo sarebbe andato in pensione tra alcuni mesi

24/05/2018

CONDIVIDI

Dopo aver prestato servizio nel Lazio, Roberto Madau, 61 anni, era tonrato in Canavese da pochi mesi e sognava di trasferirsi in Sardegna, nella terra dalla quale veniva la sua famiglia

Dopo una vita dedicata al lavoro, Roberto Madau, residente nel quartiere Bellavista di Ivrea, era in procinto di andarsene in pensione all’età di 61 anni. La sorte non è stata per nulla benigna con Roberto Maudau e ha trasformato l’ennesimo viaggio del macchinista in una corsa verso la morte. Roberto Madau, nato a Ivrea da genitori sardi, è una delle due vittime della catastrofe ferroviaria causata dallo scontro dal treno regionale Torino-Ivrea dell ore 22,24 con un trasporto eccezionale rimasto fermo in mezzo al passaggio a livello di Arè di Caluso.

Toccherà alla procura fare luce sulla dinamica di una tragedia che ha mietuto due vite ( l’autista della macchina posteriore di scorta al Tir Stefan Aureliana, abitante nella provincia di Varese, è morto dopo il trasferimento al Cto di Trino ) e ha costretto i medici a ricorrere al coma farmacologico per Morena Gauna, 35 anni, la capotreno residente a Montanaro. I soccorsi sono stati rapidi. E hanno fatto miracoli. Quasi tutti i 23 feriti sono stati medicati e dimessi dagli ospedali di Ivrea, Chivasso, Ciriè e Cuorgnè. Roberto Madau, invece è stato catapultato nel prato nel quale sono finite tre delle carrozze del conviglio ferroviario ed è rimasto a faccia in giù tra l’erba, ucciso sul colpo da uno schianto indescrivibile.

Per alcuni anni il macchinista ferroviario aveva prestato servizio nel Lazio ed era rientrato soltanto da pochi mesi in Canavese, in attesa di godere la meritata pensione. Il legame di Roberto Madau con la sua terra è sempre stato saldo e appena poteva l’uomo faceva ritorno al paese da dove proveniva la sua famiglia e progettava, non appena sarebbe andato in quiescenza, di trasferirsi definitivamente nell’isola.

Roberto Madau era n uomo semplice e generoso. In Sardegna lo piangono i parenti e in Trenitalia tutti i colleghi che hanno lavorato con lui e ne hanno potuto apprezzare le sue qualità professionali e umane.

Leggi anche

11/11/2019

Volpiano: una sala dedicata al dottor Enrico Furlini, ex medico e presidente del Consiglio comunale

Domenica 17 novembre alle 10 la sala sotto i portici del Municipio di Volpiano (piazza Vittorio […]

leggi tutto...

11/11/2019

Ivrea, in cento chiedono al sindaco che sia conferita la cittadinanza onoraria alla senatrice a vita Liliana Segre

Una petizione corredata da oltre un centinaio di firme: è quella che è stata inoltrata al […]

leggi tutto...

11/11/2019

Favria commemora i caduti in guerra. E la “penna nera” Giorgio Cortese esalta i Valori Alpini

Anche il Gruppo Alpini di Favria ha partecipato alla commemorazione del 4 novembre, Festa delle Forze […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy