Sparone, l’impegno della regione Piemonte sulla crisi dell’ex Ims

Sparone Canavese

/

18/03/2016

CONDIVIDI

Se entro la prossima settimana con ci sarà accordo tra le parti, l'assessore al Lavoro Gianna Pentenero si rivolgerà al Ministero dello Sviluppo Economico

Nella crisi innescata dal fallimento dell’ex Ims la regione Piemonte si impegnerà a fondo affinchè venga salvaguardata l’attività industriale e gli attuali livelli occupazionali. L’assessore regionale al Lavoro Gianna Pentenero, nel corso dell’incontro che ha vuto luogo in piazza Castello e al quale hanno partecipato oltre ai vertici della Fiom-Cgil e Fim-Cisl, sindaci e amministratori comunali di Sparone, Locana e Druento, ha dichiarato di voler monitorare attentamente la situazione e verificare, in particolar modo che vengano preservati i due siti piemontesi.

Se entro la prossima settimana non si dovesse giungere ad un accordo soddisfacente tra organizzazioni sindacali e Gruppo Tiberina, che aveva affittato dall’ex Ims il ramo d’azienda oggi in discussione, l’assessore Gianna Pentenero interpellerà direttamente il Ministero dello Sviluppo Economico per creare un tavolo di concertazione tra le parti. Intanto il Gruppo Tiberina, la holding della quale fa parte l’Mtd, ha fatto sapere di essere disposto a intavolare una discussione costruttiva sul futuro dei siti produttivi di Sparone e Druento che danno lavoro a 232 persone.

Dov'è successo?

Leggi anche

Favria

/

16/12/2018

Affollata apericena natalizia del Tennis Club di Favria per il tradizionale scambio di auguri

Hanno chiuso in bellezza una stagione sportiva caratterizzata da grandi tornei e appassionanti sfide con una […]

leggi tutto...

Ciriè

/

16/12/2018

Natale nel reparto di Pediatria a Ciriè: i carabinieri consegnano i pacchi dono ai bambini

Per i piccoli degenti del reparto di pediatria dell’ospedale di Ciriè Babbo Natale veste la divisa […]

leggi tutto...

Ceresole Reale

/

16/12/2018

Giro d’Italia: monta la polemica sulla tappa al Serrù. Legambiente: “Così si danneggiano gli animali”

Legambiente non ha dubbi “Gli animali vengono prima di tutto”. E si rinfocola il rovente dibattitto […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy