Si è spento a Londra lo chef canavesano Antonio Carluccio. Esportò la cucina italiana nel mondo

Borgofranco d'Ivrea

/

15/11/2017

CONDIVIDI

Nel 1975 tentò la fortuna a Londra dove divenne il secondo chef più importante del Regno Unito, anche se non aveva mai messo piede nella cucina di un ristorante

E’ stato il precursore dei vari Carlo Cracco e Antonino Cannavacciuolo: lo chef Antonio Carluccio è stato per moltissimi anni il simbolo dell’arte culinaria italiana in Inghilterra. Antonio Carluccio si è spento a Londra all’età di 80 anni. Nato a Vietri sul mare, ma cresciuto a Borgofranco d’Ivrea (dove il padre era capostazione) e per diversi anni dipendenti Olivetti, Antonio Carluccio si era trasferito nella capitale britannica nel 1975 e negli anni consegue fama e celebrità grazie a una serie di popolari trasmissioni televisive e la pubblicazione di alcuni best-seller di ricette gastronomiche. La sua ascesa nell’High Society londinese inizia nel 1981 allorquando prende in gestione un ristorante nell’elegante quartiere di Covent Garden che, in breve tempo, diventa un punto di riferimento della cucina made in Italy.

In gioventù Antonio Carluccio di Vietri sul Mare si è cimentato nella vendita di vini, ma la sua strada è quella della gastronomia e diviene chef senza aver mai messo piede nella cucina di un ristorante. Eppure in quell’occasione il suo innato talento e le sue capacità imprenditoriali ne hanno fatto il cuoco conteso da miliardari e regnanti. Le sue ricette hanno esportato e reinventato l’arte culinaria italiana in Inghilterra e, conseguentemente, nel mondo. Ma Antonio Carluccio non ha mai dimenticato l’Italia e in particolare Ivrea e Borgofranco dove si recava appena gl’impegni di lavoro glielo consentivano.

Lo chef canavesano ha dato vita a una catena di ristoranti-bar “Carluccio’s” (novanta in tutto aperti oltre che in Gran Bretagna anche in Irlanda e in Arabia Saudita) che facevano capo ad una multinazionale che Carluccio ha venduto nel 2010 per 90 milioni di dollari a una società saudita. Nel 1998 in Italia viene insignito del titolo di commendatore e nel 2007 la regina Elisabetta II gli conferisce l’ambita l’onorificenza dell’Ordine dell’Impero brittannico.

Il prestigioso e austero quotidiano britannico The Times ha definito Antonio Carluccio un’istituzione londinese ed era considerato il secondo chef più apprezzato e importante del Regno Unito. Con la sua morte scompare un pezzo di quell’Italia che grazie all’inventiva e al talento ha fatto grande il nostro Paese in tutto il mondo.

Dov'è successo?

Leggi anche

20/09/2019

Sagra della polenta di Ingria: domenica 29 terza edizione della gara nazionale di rutti

Domenica 29 Settembre 2019 dalle 12.00 a Ingria si terrà la terza edizione della “Gara Nazionale […]

leggi tutto...

20/09/2019

Pubblicato il bando del Servizio civile universale. La Città Metropolitana seleziona 113 giovani

Pubblicato il bando del Servizio civile universale per la selezione di 113 giovani da impiegare nei […]

leggi tutto...

20/09/2019

Ivrea, Manital smentisce: “Nessuna procedura concorsuale. Stiamo pagando gli stipendi”

Procedura concorsuale? Niente affatto. Manitalidea smentisce vigorosamente in una nota stampa che si possa anche lontanamente […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy