Sanità: gli ospedali dell’Asl To4 premiati con il “Bollino Rosa” per la qualità dei servizi

Ivrea

/

05/12/2017

CONDIVIDI

La rete è formata da 306 strutture ospedaliere che si sono distinte per la loro offerta di servizi dedicati alla prevenzione, diagnosi e cura delle principali patologie femminili, con particolare attenzione alle esigenze delle donne

Questa mattina, martedì 5 dicembre, a Roma, presso il Ministero della Salute, si è svolta la cerimonia di premiazione della rete “Bollini Rosa” per il biennio 2018-2019, formata da 306 strutture ospedaliere che si sono distinte per la loro offerta di servizi dedicati alla prevenzione, diagnosi e cura delle principali patologie femminili, con particolare attenzione alle esigenze delle donne.
Tra le strutture premiate da Onda (Osservatorio nazionale sulla salute della donna), come già per il biennio 2014-2015 e il biennio 2016-2017, rientrano gli Ospedali di Ciriè e di Ivrea (due Bollini Rosa) e l’Ospedale di Chivasso (un Bollino Rosa). Le specialità dell’Asl T04 partecipanti alla candidatura sono state la Breast Unit, l’unità di senologia che è parte integrante e attiva della Rete Oncologica del Piemonte e della Valle d’Aosta, e le strutture di Ostetricia e Ginecologia.

Nel sito www.bollinirosa.it dall’8 gennaio 2018 sarà possibile consultare le schede degli ospedali premiati, suddivisi per regione, con l’elenco dei servizi valutati e lasciare, da parte delle utenti, un commento sulla base dell’esperienza personale che sarà poi condiviso da Onda con gli ospedali interessati.
La valutazione delle strutture ospedaliere e l’assegnazione dei Bollini Rosa è avvenuta tramite un questionario di candidatura composto da oltre 300 domande suddivise in 16 aree specialistiche.

Un’apposita commissione multidisciplinare, presieduta da Walter Ricciardi, Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, ha validato i bollini conseguiti dagli ospedali nella candidatura considerando gli elementi qualitativi di particolare rilevanza e il risultato ottenuto nelle diverse aree specialistiche presentate.

Sono stati tre i criteri di valutazione con cui sono stati giudicati gli ospedali candidati: la presenza di aree specialistiche di maggior rilievo clinico ed epidemiologico per la popolazione femminile, l’appropriatezza dei percorsi diagnostico-terapeutici e l’offerta di servizi rivolti all’accoglienza e presa in carico della paziente, come la telemedicina, la mediazione culturale, l’assistenza sociale. Sono questi i criteri di valutazione che hanno consentito agli ospedali di ottenere uno, due o tre “Bollini Rosa”, il riconoscimento che Onda attribuisce alle strutture attente alla salute femminile.

“Questo riconoscimento – dichiara il direttore generale dell’Asl T04 Lorenzo Ardissone – ancora una volta premia tutti gli operatori della nostra Azienda che ogni giorno si impegnano con competenza, dedizione e passione, pur tra le difficoltà, a garantire servizi efficaci, appropriati e integrati per la salvaguardia della salute femminile”.
“E premia anche – conclude il general manager – la volontà dell’Azienda di continuare a investire in termini di strutture e risorse in un settore strategico e delicato per le famiglie e per l’intera collettività come quello del materno infantile”.

Dov'è successo?

Leggi anche

Ivrea

/

19/10/2018

Ivrea-Chivasso: blocco dei veicoli inquinanti, manca la segnaletica. Niente multe fino all’installazione

Ivrea come Chivasso: il blocco alla circolazione delle auto auto euro o,1,2,e tre diesel ed euro […]

leggi tutto...

Ivrea

/

19/10/2018

Asl T04: Massimo Rosa e Fabio Stefano Timeus sono i nuovi direttori di Psichiatria e Pediatria

Massimo Rosa, 61 anni, è il nuovo Direttore della Struttura Complessa Salute Mentale Chivasso. Dopo la […]

leggi tutto...

Caselle

/

19/10/2018

Caselle: la Finanza sequestra un milione e mezzo di euro grazie al fiuto del cane “Escos”

Ammonta ad oltre un milione e mezzo di euro la valuta contante non dichiarata intercettata dalla […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy