Rivarolo: tampona un’auto, rischia di investirne il conducente e fugge. Caccia al pirata della strada

02/05/2018

CONDIVIDI

E' accaduto nel pomeriggio di martedì 1° maggio. I carabinieri sulle tracce dell'uomo fuggito dopo aver provocato l'incidente

I carabinieri della Compagnia di Ivrea sono sulle tracce del pirata della strada che nel pomeriggio di ieri, martedì 1° maggio, ha tamponato con la sua automobile un’altra vettura, rischiando di investire il conducente di quest’ultima ed è fuggito senza lasciare traccia. E’ accaduto in via Feletto a Rivarolo Canavese.

Ad essere stato tamponato è stato un giovane di 27 anni di Bosconero mentre si trovava fermo ad uno stop: è in quel momento che l’auto investitrice, una Volkswagen Polo di color bianco, lo ha violentemente tamponato.

Quando l’investito è sceso dalla propria auto per constatare l’entità del danno riportato l’investitore ha accelerato, rischiando di travolgere il giovane. la sequenza dei fatti è stata così rapida che la vittima del tamponamento non ha fatto in tempo ad annotare il numero di targa. Poco dopo il giovane di Bosconero si è recato nella stazione dei carabinieri a Rivarolo Canavese e ha sporto denuncia.

Gli uomini dell’Arma stanno attentamente visionando le immagini registrate dalle videocamere di sorveglianza installate in zona, per risalire all’identità del supposto pirata della strada.

Dov'è successo?

Leggi anche

17/11/2019

Maltempo in Canavese: nelle Valli di Lanzo e in Valle Orco ancora case senza elettricità

“Ritengo gravissimo che l’energia elettrica nelle valli alpine e appenniniche, in particolare in diverse zone delle […]

leggi tutto...

17/11/2019

Oglianico: uno speciale albero di Natale realizzato con lana e uncinetto per aiutare chi è in difficoltà

Un albero di Natale fuori dai canoni classici, cucito con ago, filo, uncinetto e lana. Un’opera […]

leggi tutto...

17/11/2019

Levone: padre, madre e figlio 16enne spacciavano droga in casa. Due denunce e un arresto

Attività di contrasto dei carabinieri contro la criminalità diffusa nella provincia di Torino. 3 arresti e […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy