Ritrovati a Settimo Torinese 250 chilogrammi di rame rubati a Leinì. Denunciati in cinque

Leinì

/

01/02/2016

CONDIVIDI

Rinvenuti 5 quintali di "oro rosso" di dubbia provenienza

E’ il rame, l’oro rosso, il business di questi ultimi anni. Un metallo che vale tanto denaro quanto pesa, altrimenti non si spiegherebbero i continui furti di rame in aziende, magazzini e lungo le linee ferroviarie. I carabinieri hanno sequestrato, l’altro ieri, all’interno di una ditta di smaltimento metalli di Settimo Torinese, 251 chilogrammi di rame che erano stati rubati il 29 gennaio scorso in un magazzino di impianti elettrici a Leinì.

Nel corso della perquisizione i militari hanno rinvenuto all’interno di un furgone due bobine di cavi di rame del peso complessivo di 500 chili. La proprietaria e i dipendenti non hanno saputo indicarne la provenienza. La donna e quattro operai sono stati denunciati.

Dov'è successo?

Leggi anche

14/10/2019

Cicloturismo: i comuni montani del Canavese vincono il bando dalla Città Metropolitana

Viù e Rubiana, Unione montana Comuni olimpici della Via Lattea, Colleretto Giacosa, Borgiallo, Locana; Scalenghe, Chialamberto […]

leggi tutto...

14/10/2019

Karate: trasferta estera in Slovenia per gli atleti Rem Bu Kan che ottengono piazzamenti di rilievo

Domzale in Slovenia 2019: prima trasferta estera della stagione per la Rem Bu Kan, che con […]

leggi tutto...

14/10/2019

Rivarolo: gli scout del Clan Destino contro le mafie. E a fine mese arriverà Giovanni Impastato

Gli scout del gruppo Rivarolo 1 “Clan Destino” hanno presentato, nelle sale dell’oratorio San Giacomo di […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy