Omicidio Rosboch: i legali di Caterina Abbattista ne chiedono l’assoluzione: “E’ innocente”

29/05/2018

CONDIVIDI

Gli avvocati Levi e Zancan hanno chiesto alla Corte l'assoluzione della loro assistita perchè, a loro giudizio la richiesta di condanna non si baserebbe su un quadro probatorio certo

Cinque ore: tanto è durata l’arringa degli avvocati difensori di Caterina Abbattista, madre di Gabriele Defilippi, a processo con l’accusa di concorso nell’omicidio dell’ex professore di sostegno di Castellamonte Gloria Rosboch. Nella mattinata di martedì 29 maggio, si è svolta davanti ai giudici della Corte d’Assisse in tribunale a Ivrea l’udienza dedicata alle argomentazioni degli avvocati difensori della Abbattista. In estrema sintesi gli avvocati Tommaso Levi e Gianpaolo Zancan hanno chiesto alla Corte l’assoluzione della loro assistita perchè, a loro giudizio non sussistono elementi decisivi che suffraghino la richiesta di condanna avanzata dalla procura eporediese.

E non è tutto: l’impianto accusatorio ruota intorno all’approfondito esame dei tabulati che dovrebbero dimostrare che nel momento in cui Gloria Rosboch è stata uccisa dal figlio di Caterina Abbattista, reo confesso e condannato, per quell’omicidio, a trent’anni di reclusione.

In definitiva: per gli avvocati Zancan e Levi, la donna. ex operatrice sanitaria in servizio all’ospedale di Ivrea, il giorno in cui è stato commesso l’assassinio, la donna si trovava in ospedale impegnata nel proprio lavoro. E a questo proposito la difesa ha preannunciato di essere intenzionata a presentare alla Corte un’istanza di ingiusta detenzione.

L’avvocato Tommaso Levi ha sottolineato come le accuse mosse nei confronti dell’imputata non siano basati su elementi probatori e che quindi la donna è da considerarsi innocente.

L’udienza è stata rinviata al 19 giugno per le replica e il pronunciamento della sentenza.

Dov'è successo?

Leggi anche

18/09/2019

Volpiano: sì alla messa in sicurezza della “provinciale” per Leinì, teatro di incidenti mortali

La questione della pericolosità di un tratto della Strada Provinciale 500 a Volpiano, all’incrocio con via […]

leggi tutto...

18/09/2019

Ceresole Reale: escursione guidata in E-bike alla scoperta dei tesori del Parco del Gran Paradiso

L’obiettivo è quello di promuovere il territorio e il turismo locale: in questo contesto il bar […]

leggi tutto...

18/09/2019

Ivrea, la Manital finisce in tribunale. Sul futuro dell’azienda deciderà il giudice fallimentare

Amministrazione controllata per la Manital di Ivrea? A decidere sull’ammissibilità per insolvenza saranno i giudici del […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy