E’ morta a 40 anni la conduttrice delle Iene Nadia Toffa. Il cancro ha sconfitto la “guerriera”

13/08/2019

CONDIVIDI

Il decesso dell'amatissima conduttrice e inviata ha suscitato una granìde ondata di commozione in tutta Italia. Il cordoglio dei colleghi e dei tanti estimatori. "Non bisogna vergognarsi di guardarlo in faccia e chiamarlo per nome il bastardo, - diceva - che magari si spaventa un po’ se lo guardi fisso negli occhi"

Aveva 40 anni Nadia Toffa, l’amatissima conduttrice della trasmissione “Le Iene”: un cancro al cervello se l’è portata via in due anni proprio nel momento cui la conduttrice pensava di avere superato la fase più critica del male che l’aveva colpita. Il decesso di Nadia Toffa, avvenuto all’ospedale di Brescia ha suscitato in tutta Italia un’ondata di incontenibile commozione e i social traboccano di pensieri rivolti a questa giovane che ha affrontato quel male inesorabile che l’aveva colpita con un coraggio da vera guerriera.

Qualche mese fa era tornata in tv, con la grinta di sempre e il sorriso sulle labbra. E aveva parlato senza remore della malattia che sapeva bene le concedeva poche speranze. Nadia Toffa è morta nel fiore degli anni. Approdata a Mediaset nel 2009 era stata autrice di scottanti inchieste come, ad esempio, quella sulla “Terra dei Fuochi” in Campania.

Sul sito ufficiale delle Jene i colleghi la ricordano così: “E forse ora qualcuno potrebbe pensare che hai perso, ma chi ha vissuto come te, non perde mai. Hai combattuto a testa alta, col sorriso, con dignità e sfoderando tutta la tua forza, fino all’ultimo, fino a oggi. D’altronde nella vita hai lottato sempre.
Hai lottato anche quando sei arrivata da noi, e forse è per questo che ci hai conquistati da subito. È stato un colpo di fulmine con te, Toffa. È stato tanto facile piacersi, inevitabile innamorarsi, ed è proprio per questo che è così difficile lasciarsi.

Il destino, il karma, la sorte, la sfiga ha deciso di colpire proprio te, la nostra Toffa, la più tosta di tutti, mentre qualcuno non credeva alla tua lotta, noi restavamo in silenzio e tu sorridevi.
Sei riuscita a perdonare tutti, anche il fato, e forse anche il mostro contro cui hai combattuto senza sosta… il cancro, che fino a poco tempo fa tutti chiamavano timidamente ‘Il male incurabile’ e che, anche grazie alla tua battaglia, adesso ha un nome proprio.

‘Non bisogna vergognarsi di guardarlo in faccia e chiamarlo per nome il bastardo, – dicevi – che magari si spaventa un po’ se lo guardi fisso negli occhi’.
E dato che sei stata in grado di perdonare l’imperdonabile, cara Nadia, non ci resta che sperare con tutto il cuore che tu sia riuscita a perdonare anche noi, che non siamo stati in grado di aiutarti quanto avremmo voluto.
Ed ecco le Iene che piangono la loro dolce guerriera, inermi davanti a tutto il dolore e alla consapevolezza che solo il tuo sorriso, Nadia, potrebbe consolarci, solo la tua energia e la tua forza potrebbero farci tornare a essere quelli di sempre.
Niente per noi sarà più come prima”.

Niente sarà più come prima, come lo è per tutte le persone che perdono la vita a causa di quel maledetto cancro che divora il corpo e l’anima.

Leggi anche

22/08/2019

Un successo le iniziative del “Turismo verde” nei parchi del lago di Candia e del Colle del Lys

Il Parco del Lago di Candia e il Parco Colle del Lys sono due importanti punti […]

leggi tutto...

22/08/2019

San Francesco: i “soliti idioti” vandalizzano i bagni del Velodromo Francone. Danni per 1.300 euro

I soliti ignoti hanno colpito ancora una volta e hanno vandalizzato il Velodromo “Francone” di San […]

leggi tutto...

22/08/2019

San Benigno: perde il controllo dell’auto e si schianta contro un muro. Volpianese 46enne al Cto

Stava imboccando una curva della “provinciale” che porta a Bosconero quando, per cause ancora in via […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy