Mappano: l’ordinanza sul “coprifuoco” firmata dal sindaco non piace e parte una petizione popolare

Mappano

/

22/07/2017

CONDIVIDI

Il divieto di frequentare piazze parchi pubblici nelle ore serali ha sollevato un vespaio culminato in una raccolta di firme promosso dall'opposizione e da privati cittadini

Francesco Grassi, primo sindaco del neonato comune di Mappano è ancora in villeggiatura, ma chi è rimasto in città, sta promuovendo una petizione che mira all’abolizione delle ordinanze che hanno di fatto instaurato una sorte di “coprifuoco” serale che vieta di passeggiare nei parchi dopo le 23,00 e girare per le piazze se non accompagnati. L’opposizione e i comitati spontanei di cittadini, che nonostante la canicola estiva sono più che mai attivi, non hanno compreso e neanche evidentemente apprezzato quella è stata la prima azione compiuta dal neo sindaco.

A giudizio di ha promosso la petizione Mappano che adesso conta circa 7mila abitanti è un comune che gode di una buona qualità di vita, dove le famiglie possono vivere tranquille e dove, sopratutto, il clima da “paese” consente di facilitare le relazioni interpersonali.

In sostanza: l’ordinanza firmata dal sindaco Francesco Grassi è, a giudizio degli oppositori non è soltanto inutile perchè non sussistono le condizione per limitare la libertà individuale dei cittadini nelle ore serale ma perchè penalizzerebbe la spinta costruttiva e propositiva necessaria per risolvere i tanti problemi che il neo comune deve affrontare.

E ancora; si vuole garantire una maggiore sicurezza i cittadini? Invece dell’ordinanza, si sostiene, l’amministrazione comunale si adoperi per avere a disposizione un congruo numero di vigili urbani che possano perseguire eventuali violazioni. Ma il “coprifuoco” non è affatto necessario.

Dov'è successo?

Leggi anche

Strambino

/

21/09/2017

Strambino: incidente nei pressi del Lidl. Un uomo in scooter è stato travolto e ferito da un’automobile

Serio incidente nel pomeriggio di mercoledì 20 settembre a Strambino all’ingresso del supermercato Lidl situato in […]

leggi tutto...

Ingria

/

21/09/2017

Ingria: dopo il rifiuto di Torino sarà il piccolo comune a ospitare la goliardica e contestata “Gara dei rutti”

Quel che Torino ha sdegnosamente rifiutato, il piccolo Comune canavesano di Ingria ha accettato: domenica 24 […]

leggi tutto...

Caselle

/

21/09/2017

Caselle: gli aerei decollano e le tegole volano. Stanziati 70mila euro per ancorare i “coppi” ai tetti delle case

Quando gli aerei decollano o atterrano, volano anche le tegole: a Caselle è ormai la norma, […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy