“Canavesana”: protesta a Feletto. E è polemica sui 12 milioni stanziati per la sicurezza ferroviaria

Feletto

/

07/08/2018

CONDIVIDI

Infuriati centinaia di pendolari che sarebbero penalizzata dalla soppressione della fermata alla stazione di Feletto e che si dichiarano pronti a una mobilitazione estrema. Ed è polemica sui 12 milioni di euro stanziati dal governo per l'adozione di un adeguato sistema di controllo marcia treno

Da ieri, martedì 6 agosto, i convogli ferroviari del Gtt, la società che gestisce la “Canavesana” viaggiano alla “folle” velocità di 50 chilometri orari a causa delle pesanti restrizioni imposte dall’Agenzia Nazionale per la Sicurezza Ferroviaria a causa della mancata adozione di un adeguato sistema di gestione della sicurezza. Il risultato? Gli orari subiranno a causa di questa limitazione un allungamento dei tempi di percorrenza di 5 minuti in direzione Rivarolo e di 3 minuti in direzione Settimo. E la soppressione dal 27 agosto della fermata alla stazione di Feletto (prevista fino al prossimo mese di dicembre) ha l’obiettivo di compensare il prolungamento dell’orario di percorrenza. Nella serata di martedì 6 agosto è andata in scena la protesta dei cittadini. Alla manifestazione hanno preso parte decine di pendolari che hanno dato vita a un Comitato Spontaneo per evitare che Il Gtt penalizzi ulteriormente un servizio che è già scadente.

Francesca Bonomo, deputata del Partito Democratico, è vicina agli utenti e ai sindaci dei Comuni attraversati dalla ferrovia Canavesana: “Siamo a fianco dei pendolari e degli amministratori locali – afferma -. E’ impensabile che nel 2018 i treni siano costretti a viaggiare a 50 chilometri orari a causa delle inadempienze di Gtt”.

Una cosa è certa: quella di sospendere la fermata alla stazione ferroviaria di Feletto è stata una decisione unilaterale intrapresa dall’azienda di trasporti senza alcun preavviso e senza alcun confronto di sorta. Una decisione sconcertante che la deputata Francesca Bonomo giudica “incredibile”.

“Ed è ancora più incredibile visto che soltanto pochi mesi fa, grazie al lavoro di noi parlamentari e dell’ex ministro Graziano Delrio, oltre che della Regione, eravamo riusciti a stanziare quasi 12 milioni di euro finanziati con fondi FSC per intervenire sui passaggi a livello e proprio sulla sicurezza, attrezzando la Sfm1 con il sistema di controllo marcia treno. Senza dimenticare, poi, gli altri 6 milioni di euro messi a bilancio per elettrificare la tratta Rivarolo-Pont”.

Mercoledì 8 agosto è stato convocato un incontro all’assessorato ai Trasporti della Regione proprio per discutere ancora sul futuro della tratta ferroviaria. “Il Canavese non può fare a meno della ferrovia – conclude la deputata del Pd – che però deve essere moderna, efficiente e funzionale. L’auspicio è che Gtt possa intervenire quanto prima e adeguare le infrastrutture secondo i nuovi standard di sicurezza: le istituzioni hanno fatto la loro parte, ora tocca all’azienda mettersi in regola. Questi territori meritano un servizio pubblico all’avanguardia: ci batteremo in tutte le sedi affinché la Pont-Rivarolo-Torino-Chieri, che è tra le linee del sistema ferroviario metropolitano più utilizzate dai pendolari, venga definitivamente rilanciata”.

Dov'è successo?

Leggi anche

14/10/2019

I tifosi “granata” del Canavese ricordano la morte, avvenuta 52 anni fa, del campione Gigi Meroni

Non c’è tifoso “granata” che non conservi nel cuore il ricordo di Gigi Meroni che 52 […]

leggi tutto...

14/10/2019

Ivrea in lutto piange la scomparsa di Bianca, la sorella dell’eroico partigiano Gino Pistoni

È morta Bianca Pistoni, sorella del partigiano Gino Pistone. A darne l’annuncio è stato il Gruppo […]

leggi tutto...

14/10/2019

Feletto: è tornata a casa nel pomeriggio la donna che si era allontanata da casa in mattinata

E’ tornata a casa nel tardo pomeriggio di oggi, lunedì 14 ottobre, la pensionata di 72 […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy