Ivrea, sentenza del tribunale: l’uso scorretto del cellulare può provocare tumori al cervello

Ivrea

/

20/04/2017

CONDIVIDI

Il giudice Luca Fadda ha condannato l'Inail a indennizzare l'uomo, che ha perso l'udito da un orecchio, con una rendita vitalizia

Esiste un nesso di causalità tra l’uso scorretto del telefono cellulare e l’insorgenza di tumori cerebrali: lo ha stabilito in una rivoluzionaria sentenza, il giudice Luca Fadda del tribunale di Ivrea. Il magistrato si è pronunciato lo scorso 30 marzo ma la notizia è stata resa nota nella mattinata di giovedì 20 aprile dagli avvocati dello studio legale di Torino Ambrosio e Commodo.

La sentenza si riferisce a un procedimento giudiziario relativo al dipendente di un’azienda (assistito dallo studio legale) al quale i medici avevano diagnosticato un tumore benigno: Roberto Romeo, 57 anni, per 15 anni ha usato il telefono cellulare per lavoro e per più di tre ore al giorno senza alcuna protezione; il giudice ha condannato l’Inail a corrispondere all’uomo, colpito da una patologia sì benigna ma invalidante. Il motivo? L’uso scorretto del cellulare per ragioni di lavoro.

I legali commentano più che positivamente la sentenza che apre la strada a una nuova giurisprudenza e che nel, contempo, convinca le istituzioni a varare efficaci campagne di sensibilizzazioni nei confronti di un problema che è ancora controverso. A Roberto Romeo i chirurghi hanno dovuto asportare il nervo acustico dell’orecchio sinistro con la conseguente perdita dell’udito. L’uomo trascorreva, per esigenze di lavora, oltre tre ore al giorno al telefono mobile: un’esposizione che avrebbe causato l’insorgenza della patologia tumorale. Lo studio legale torinese ha aperto il sito www.neurinomi.info, dove gli utenti possono trovare anche consigli sull’utilizzo corretto del telefonino.

Leggi anche

17/01/2018

Volpiano: tornano in piazza del Municipio le arance della salute” per combattere il cancro

Si rinnova anche quest’anno il tradizionale appuntamento nelle piazze con i volontari dell’Airc, l’associazione che finanzia […]

leggi tutto...

17/01/2018

San Maurizio: automobilisti troppo veloci. Velox nelle strade per la sicurezza dei pedoni

Gli automobilisti in disciplinati (e non sono pochi) scambiano le strade per il circuito di Formula […]

leggi tutto...

17/01/2018

Il commosso addio di Rivarolo al dottor Giovanni Provenzano, ex assessore della giunta Gaetano

E’ scomparso nella giornata di oggi, mercoledì 17 gennaio, dopo una lunga lotta con la malattia […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy