Il calciatore morto in campo aveva una cardiopatia congenita. Nei guai un medico

Ivrea

/

01/10/2015

CONDIVIDI

Il responso dell'autopsia non lascia adito a dubbi. Indagato per omicidio colposo il professionista che aveva rilasciato il certificato di idoneità

Per Olga Veglia, il medico che ha effettuato ieri pomeriggio l’autopsia sulla salma di Roberto D’Orlando, il giocatore morto a causa di una crisi cardiaca nel corso di una partita di calcio non ci sono dubbi: l’uomo era affetto da una cardiopatia congenita.

Il medico che aveva rilasciato il certificato di idoneità sportiva, un noto professionista di Settimo Torinese, è stato indagato per omicidio colposo. Roberto D’Orlando, 45 anni, residente a Collegno, era stato colpito da un malore dieci giorni fa, a pochi minuti dalla fine di una partita tra “Gli Amici del Brandizzo”e la “Foglizzese” che militano nel campionato Veterani del Csi di Ivrea. La procura eporediese, dopo aver acquisito il referto dell’esame autoptico ha “scongelato”  nella tarda mattinata di oggi il nulla osta per i funerali che lo scorso sabato erano stati bloccati per consentire l’esame autoptico disposto dalla magistratura.

Roberto D’Orlando, artigiano di professione, lascia la moglie e due figli.

Dov'è successo?

Leggi anche

21/10/2019

San Maurizio Canavese: dal 21 ottobre, attivi i nuovi “velox” che puniranno gli automobilisti da Formula 1

Da oggi, lunedì 21 ottobre, gli automobilisti che percorreranno le strade di San Maurizio Canavese, dovranno […]

leggi tutto...

21/10/2019

Rivarolo: spettacolare presentazione per la Bocciofila Sangiorgese firmata da Frank Mautino

Questa volta Frank Mautino ha fatto le cose in grande in occasione della ptesentazione ufficiale dei […]

leggi tutto...

21/10/2019

Aeroporto di Caselle: Volotea inaugura le nuove rotte. Più vicine Grecia e Calabria

Volotea, la compagnia aerea che collega città di medie e piccole dimensioni in Europa, ha annunciato […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy