Ferrovia Torino-Aosta, l’associazione “Identità Comune” accusa: “Spesi 40 milioni per niente”

28/05/2018

CONDIVIDI

I soldi stanziati dal Governo Berlusconi, si sottolinea, sarebbero stati spesi in anni di studi inutili volti a bypassare lo snodo ferroviario di Chivasso e ad aquistare 5 treni che non sono serviti a coprire la richiesta di aumento delle corse

Sul disastro ferroviario che si è verificato la scorsa settimana al passaggio a livello a livello della frazione Arè di Caluso, costato la vita a due persone, intervengono con una lettera aperta anche le associazioni chivassesi “Identità Comune” presieduta da Tomas Carini e l’Associazione Sempre Avanti. Nella lettera si evidenzia quella che sarebbe la vera storia dei 40 milioni di euro stanziato dal Governo Berlusconi per migliorare la sicurezza sulla tratta ferroviaria Torino-Aosta. Il risultato di tanti studi, costati cifre ingenti è stata alla fine quello di non effettuare nessun intervento.

Questo il testo della lettera: “Il tragico incidente di Caluso scatena polemiche e denunce ma passa sotto silenzio la vera storia dei 40 milioni destinati alla ferrovia negli anni 2000. Nel 2004 il Governo Berlusconi in accordo con RFI e Regione Valle d’Aosta finanzia uno studio per migliorare la ferrovia. Lo realizza il Politecnico di Torino e propone di iniziare con il bypass della stazione di Chivasso, eliminando così la fermata e l’inversione di marcia dei treni ma anche il principale nodo di interscambio della linea. Per le lacune vere (binario unico, passaggi a livello, trazione diesel) nessuna priorità.

Il Governo Prodi, in accordo con le Regioni Piemonte e Valle d’Aosta, nel 2008 stanzia 40 milioni per il bypass. Si perdono anni e somme ingenti in ben 4 progetti di RFI che si arenano tutti contro seri problemi idrogeologici, ma Regioni, Provincia di Torino e politica canavesana (piano strategico del Canavese 2007-2010) insistono, nonostante l’opposizione dell’associazione utenti della ferrovia e di un comitato locale che propone soluzioni alternative per raccordare la linea all’asse Torino-Milano. Finché nell’autunno 2010 Ferrovie e Regioni “scoprono” che i treni diesel da Aosta non possono arrivare alla nuova stazione sotterranea di Torino: la Regione VDA abbandona il progetto bypass e chiede di usare quanto resta dei 40 milioni per acquistare treni bimodali.

Il Governo Letta lo concede nel 2013. Quest’anno entreranno in servizio 5 treni che per numero e capienza non bastano a coprire tutte le corse Torino-Aosta. Fine di una storia che mostra l’incapacità politica di pianificare la riqualificazione della ferrovia. Anziché relegarla al ruolo di linea secondaria senza prospettive e pericolosa com’è ora, bisogna cominciare dal nodo di origine (Chivasso) non per bypassarlo ma per sfruttarlo inserendo la linea nel traffico nazionale, in un piano finanziario strategico per le principali ferrovie. A questo serve un progetto come la stazione di interscambio Porta Canavese-Monferrato”.

Dov'è successo?

Leggi anche

18/11/2019

Autostrada A5, percorribili le corsie per Torino. Per la riapertura verso la Val d’Aosta ancora 48-72 ore

Dopo cinque ore di chiusura forzata, dovuto ad un incidente di cantiere che ha messo a […]

leggi tutto...

18/11/2019

Aumentano le tariffe dei trasporti. La deputata Pd Bonomo: “Ennesima batosta per i pendolari”

“L’aumento delle tariffe per il servizio di trasporto pubblico nel settore extraurbano, deliberato dall’Agenzia per la […]

leggi tutto...

18/11/2019

Caluso: all’hotel Erbaluce serata conviviale del Lions Club dedicata alla Stazione spaziale internazionale

Una serata dedicata all’astronomia e all’avventura umana nello spazio: è quella organizzata dal Lions Club Caluso […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy