Ivrea: truffano un 21enne facendosi pagare un telefono mai consegnato. Nei guai due giovani

Montalto Dora

/

02/08/2017

CONDIVIDI

Un ragazzo di Pordenone aveva ordinato on line un telefono dal valore commerciale di 800 euro e, alla fine, ne ha pagati ben 3 mila 550

Il giovane acquirente di Pordenone aveva deciso di acquistare quel telefono cellulare che aveva visto su internet, ma la vendita si è rivelata una vera e propria truffa e l’incauto acquirente ci ha rimesso 3 mila 550 euro senza mai ricevere il telefono. Autori della truffa sarebbero due giovani di Samone e Montalto Dora, rispettivamente di 24 e 31 anni che sono stati denunciati dai carabinieri di Ivrea per truffa in concorso.

I fatti: quel telefono visto su internet era allettante e il 21enne residente a Pordenone non aveva esitato a contrattare i venditori e a effettuare su una carta prepagata intestata ai due uomini, il pagamento richiesto.

Ma il telefono non era mai arrivato a destinazione. Di fronte alle legittime richieste di spiegazioni di due truffatori avevano addotto la scusa di difficoltà tecniche nell’accreditamento del denaro, convincendo il giovane e sprovveduto acquirente a effettuare ulteriori versamenti, spaventato dal fatto che i due paventavano azioni legali se il pagamento dell’oggetto mai spedito non avesse avuto luogo.

E così il giovane ha speso 3 mila 550 euro per un telefono cellulare con un valore di mercato di 800. Quando, dopo qualche settimana, l’acquirente non ha ricevuto la merce ordinata si è reso conto di essere stato raggirato e ha sporto denuncia. Non c’è voluto molto ai carabinieri di ricostruite le varie fasi della truffa on line di denunciarne gli autori all’autorità giudiziaria.

Dov'è successo?

Leggi anche

07/07/2020

Coronavirus: finora in Piemonte 4mila 107 decessi. Crescono i guariti. 5 i nuovi contagiati

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte comunica che alle 17,00 di oggi, martedì 7 luglio, i […]

leggi tutto...

07/07/2020

Chivasso: caschi, tute protettive e guanti al personale. Ecco come la Lilt ha aiutato l’ospedale

Una grande catena solidale che ha consentito di donare all’ospedale di Chivasso 9mila guanti, 600 mascherine […]

leggi tutto...

07/07/2020

Sanità: arriva l’infermiere di famiglia che affiancherà il medico di base nella cura dei pazienti

Affiancherà il medico di famiglia per assicurare una migliore assistenza sanitaria ai pazienti. È l’infermiere di […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy