Ennesimo dramma della solitudine: ex badante di 53 anni stroncata di un infarto

Castiglione Torinese

/

14/03/2016

CONDIVIDI

Il decesso risalirebbe a una ventina di giorni fa e in tutto questo tempo neanche i vicini si sono accorti di nulla

E’ stato un improvviso infarto a stroncare la vita di Marina Palmira Scursatore, 53 anni, residente a Castiglione Torinese in strada del Pedaggio Vecchio 7. Il cadavere è stato scoperto dopo venti giorni. Un dramma della solitudine che ha avuto luogo in un’abitazione circondata da altri edifici, a concreta dimostrazione che si può morire senza che nessuno se ne accorga anche in luoghi affollati e nei piccoli paesi, dove in teoria, tutti conoscono tutto di tutti. I carabinieri hanno trovato Marina riversa in cucina in ormai stato di avanzata decomposizione. La donna, nubile, viveva da sola e, sembra che soffrisse da tempo di ipertensione. Una patologia che Marina Palmira stava curando. Per tre settimane nessuno si è accorto di nulla, neanche del fatto che la donna che era solita recarsi in paese a Castiglione, piccolo centro abitato della collina Torinese a pochi chilometri da Chivasso, non si fosse più recata a far compere nei negozi. La solitudine è soprattutto questo: nessuno che ti chiama al telefono o viene a bussare alla tua porta per sapere se tutto va bene, se hai bisogno di qualcosa.

Marina Palmira Scursatone era una cinquantenne ancora piacente, di aspetto giovanile, dal carattere un po’ schivo e riservato alla quale piaceva curare personalmente il piccolo giardino antistante la casa in cui viveva. Per diverso tempo la donna aveva svolto l’attività di badante. Anche in questo caso nessuno si è accorto che la donna non si vedeva, come al solito, in quel fazzoletto di terra che teneva in ordine con cura quasi maniacale.

E’ stato lo scorso sabato che una cugina, insospettita dal fatto che Marina non aveva mai risposto alle numerose chiamate telefoniche che le aveva fatto nei giorni precedenti, si è decisa a recarsi a casa della donna. Ha fato nuovamente squillar il telefono che suonava a vuoto all’interno dell’appartamento. Tanto è bastato alla cugina per allarmarsi: ha immediatamente chiamato i carabinieri della stazione di Castiglione che sono accorsi al comando del maresciallo Filippo Tonzanu. I militari hanno sollevato la tapparella di una finestra situata al piano terreno della villetta: quando hanno scorto il corpo esanime della donna, hanno chiesto l’intervento dei vigili del fuoco per abbattere la porta d’ingresso. Nel frattempo è giunto il personale medico del 118: i sanitari non hanno potuto fare altro che constatare il decesso dell’ex badante. I carabinieri hanno ispezionato tutta la casa: nessun segno di effrazione, di disordine o di violenza.

Il medico legale ha specificato che il decesso della donna è stato causato da un arresto cardiocircolatorio. La salma è stata composta nella camera mortuaria del cimitero di Settimo Torinese mentre la procura di Ivrea ha rilasciato il nullaosta per celebrare i funerali.

Dov'è successo?

Leggi anche

Ivrea

/

22/09/2018

Voleva vedere il mare per l’ultima volta. I volontari della Croce Rossa fermano l’ambulanza in spiaggia

Desiderava tanto rivedere, forse per l’ultima volta il mare che bagna le coste della sua amata […]

leggi tutto...

Lombardore

/

22/09/2018

Lombardore: anziana di 78 anni travolta e uccisa da un’auto mentre attraversava la strada

Aveva 78 anni Giovanna Baldovino, la pensionata che è stata travolta e uccisa da un’auto mentre […]

leggi tutto...

Cuorgnè

/

22/09/2018

Cuorgnè: coltivava ed essiccava la marijuana in casa. I carabinieri arrestano un 47enne

Prosegue l’attività dei carabinieri della Compagnia di Ivrea per contrastare la produzione e lo spaccio di […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy