Cuorgnè, in cinquecento festeggiano l’arrivo di don Ilario Rege Gianas

Cuorgnè

/

14/09/2015

CONDIVIDI

Commovente cerimonia nel cortile del palazzo municipale. Il neo parroco è stato ricevuto dal vicario episcopale territoriale e dal sindaco Beppe Pezzetto

In cinquecento hanno dato ieri, domenica 13 settembre, il benvenuto al nuovo parroco di Cuorgnè don Ilario Rege Gianas che subentra a don Stefano Turi. Il neo titolare della parrocchia di San Dalmazzo ha ricevuto il saluto del vicario episcopale territoriale, don Claudio Baima Rughet e del primo cittadino di Cuorgnè Beppe Pezzetto.

La cerimonia ha avuto luogo in mattinata nel cortile del municipio cittadino. Don Rege Gianas è originario di Giaveno il 25 gennaio 1950 ed è stato ordinato sacerdote il 16 ottobre 1977. Ha trascorso parte della sua vita sacerdotale come missionario in Argentina. A chiamarlo a reggere la parrocchia di San Dalmazzo di Cuorgnè è stato l’arcivescovo di Torino monsignor Cesare Nosiglia.

Al termine della sua prima messa celebrata a Cuorgnè don Ilario ha sottolineato l’importanza dell’amore che si deve nutrire per il Signore e degli sforzi da compiere, nonostante tutto, per non allontanarsi dalla misericordia divina. Il neo parroco ha rimarcato di non essere più giovane ma di possedere molta voglia di lavorare, vedere e, cosa più importante, di ascoltare.

Leggi anche

25/09/2018

“Strada Gran Paradiso”: la visita al castello di Valperga conclude le escursioni di fine estate

Ultimo fine settimana di settembre e ultima escursione di fine estate-inizio autunno per Strada Gran Paradiso. […]

leggi tutto...

Volpiano

/

25/09/2018

Volpiano: alla scuola di musica della Filarmonica il nome del presidente dell’Anbima Piero Cerutti

Volpiano ha ricordato Piero Cerutti, il presidente provinciale dell’Anbima, l’associazione nazionale che rappresenta le bande musicali […]

leggi tutto...

San Giusto Canavese

/

25/09/2018

San Giusto, l’appello di “Libera” sulla villa confiscata ad Assisi: “Sia restituita alla collettività”

Ancora un Appello di Libera Piemonte riguardante la villa che era di proprietà del narcotrafficante latitante […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy