Cuorgnè, ex tabaccaio è grave per aver respirato monossido di carbonio. Salvato dalla moglie

Cuorgnè

/

19/01/2017

CONDIVIDI

La donna e il nipotino dormivano in un'altra stanza. La donna si è accorta che il marito stava male quando ha cercato di svegliarlo

E’ stato probabilmente intossicato dalle esalazioni di monossido di carbonio causate(forse) da una stufa malfunzionante: è stata la moglie a salvargli la vita perché dormiva in un’altra stanza. Nella sfortuna è stato fortunato Adriano Bertotti, 73 anni, ex titolare di una rivendita di tabacchi a Cuorgnè.

E’ successo alla 6,00 del mattino di giovedì 19 gennaio. La donna ha immediatamente lanciato l’allarme. Sul luogo sono tempestivamente accorsi il personale sanitario del 118 e i Vigili del fuoco. L’uomo è stato trasportato a sirene spiegate in ospedale a Torino dove è stato ricoverato in gravi condizioni.

Si è reso necessario il trattamento in camera iperbarica per evitare ulteriori compromissioni dell’apparato respiratorio. Anche la moglie e il nipotino sono stati condotti dai sanitari in pronto soccorso per essere sottoposti ad ulteriori accertamenti clinici.

Saranno i tecnici del reparto specializzato dei Vigili del fuoco ad effettuare necessari accertamenti per risalire alle cause che hanno determinato l’intossicazione.

Dov'è successo?

Leggi anche

Favria

/

15/10/2018

Anche le “Penne Nere” canavesane al primo Raggruppamento Alpini che si è svolto a Vercelli

Tra le migliaia di “penne nere” che hanno partecipato al Primo Raggruppamento Alpini del Piemonte, della […]

leggi tutto...

Ivrea

/

15/10/2018

Ingria, in campo la squadra di calcio a 5 “Bar da Costa”. E il 21 ottobre la gara di corsa montana

Dopo i successi conseguiti nella “Champions League dei Comuni Fioriti”, il Comune della Val Soana si […]

leggi tutto...

Rivarolo Canavese

/

15/10/2018

“Canavesana”, continua l’odissea quotidiana dei viaggiatori. La Lega: “Situazione inaccettabile”

Il senatore della Lega Nord Cesare Pianasso interviene sul tema dei disservizi con i quali devono […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy