Coassolo: si chiama Aldo Ubaudi il bambino di 6 anni falciato da un’auto durante il Rally Città di Torino

Coassolo

/

27/05/2017

CONDIVIDI

La manifestazione è stata sospesa. Sui social esplode il dolore dei canavesani. L'inchiesta dovrà chiarire molti aspetti relativi all'incidente mortale

E’ già stato dimesso dall’ospedale di Ciriè Giacomo Ubaudi, 45 anni, padre di Aldo di 6 anni, il bambino che ha perso la vita durante lo svolgimento del Rally Città di Torino che si stava svolgendo nella giornata di oggi, sabato 27 maggio, nel corso della terza prova speciale svoltasi nelle Valli di Lanzo. L’uomo e la moglie, Valeria Bellino Roci, 37 anni, anch’essa ricoverata in ospedale, stringono al petto il figlioletto di tre anni, rimasto miracolosamente illeso. Il piccolo Aldo, non ce l’ha fatta: l’impatto con l’auto numero 12 Skoda Biella guidata da Christian Milano, 47 anni, residente a Prascorsano ma originario di Forno Canavese, gli è stato fatale.

Tutta colpa, pare, di un malore che ha colpito il pilota mentre stava per affrontate la curva nella quale l’automobile è uscita fuori strada. La tesi del malore è confermata dal co-pilota e navigatore Luca Pieri. Un lungo brivido di dolore ha percorso l’intero Canavese, terra con una forte vocazione sportiva anche nel settore dei Rally automobilistici. Sulla tragedia stanno indagando i carabinieri della Compagnia di Venaria Reale coordinati dal pubblico ministero Ruggero Crupi, titolare dell’inchiesta giudiziaria che dovrà appurare se la famiglia si trovava in un punto autorizzato per assistere alla corsa o se vi sono altre responsabilità.

Secondo una prima e ancora provvisoria ricostruzione pare che il navigatore, quando si è reso conto che il pilota era stato colpito da malore sarebbe riuscito a togliere il piede di Christian Milano dall’acceleratore, tirando nel contempo il freno a mano. L’auto è così uscita di strada e ha travolto la famigliola che sembra si trovasse in un punto non pericoloso. L’incidente ha avuto luogo nei pressi della trattoria gestita dalla nonna del piccolo Aldo Ubaldi. Una fatalità che ha funestato un evento che non ha mai registrato problemi per quanto concerne la sicurezza. Il pilota e il navigatore sono stati trasportati in ospedale ma lo loro condizioni di salute non sono gravi.

“Siamo addoloratissimi: in 32 anni non era mai successa una cosa del genere». In una nota il Rally Team Eventi, che organizza il rally Città di Torino, ha annunciato la sospensione della manifestazione sportiva. Sui social network migliaia di persone stanno postando in queste ore la loro costernazione e il personale dolore per una tragedia inaspettata.

Dov'è successo?

Leggi anche

Quincinetto

/

23/06/2019

Frana a Quincinetto: una minaccia che incombe da 7 anni sull’autostrada. A quando la soluzione?

E’ da sette anni che si è conoscenza di quella massa di detriti e massi da […]

leggi tutto...

Ivrea

/

23/06/2019

Ospedale di Ivrea: mancano i medici in Cardiologia. L’Asl T04: “Stiamo provvedendo”

Ancora un’emergenza sanitaria e ancora una volta riguarda l’Asl T04 che deve fare i conti, questa […]

leggi tutto...

Canavese

/

23/06/2019

Previsioni meteo: canicola e afa fino alla fine della settimana. I medici: “Attenti ai colpi di calore”

Sarà una settimana torrida quella che ci attende: da lunedì, festa di San Giovanni, la colonnina […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy