Cibo marcio, scaduto e muffa nelle mense carcerarie. Accesa protesta della polizia penitenziaria

Ivrea

/

03/09/2017

CONDIVIDI

Il pasti distribuiti durante il servizio mensa violerebbero ogni protocollo sanitario relativo al pericolo di contaminazione alimentare. I sindacati scrivono al Provveditore dell'Amministrazione Penitenziaria

Nessun controllo igienico nel cibo, pericolo di contaminazione alimentare, frutta marcia e continua presenza di insetti: a lanciare l’allarme sul cibo distribuito nelle mense di servizio delle carceri piemontesi, valdostane e liguri sono i sindacati della polizia penitenziaria Osapp, Uil, Sappe, Sinappe, Cisl, Ispp e Cnpp. I sindacati hanno inviato una lettera al Provveditore Regionale dell’Amministrazione Penitenziaria di Torino dove si sottolinea il fatto che sembrerebbe che siano stati ridotti gli orari del personale con comprensibile rallentamento nella somministrazione dei pasti. “Circostanza che incide negativamente sul carattere di celerità che deve contraddistinguere il servizio. Accanto a tale disservizio di natura organizzativa, si è rilevato che la ditta appaltatrice del servizio non fornirebbe alle singole sedi i detergenti per pulire le cucine, con rischi connessi per l’igiene degli spazi e la salubrità degli alimenti – evidenziano i sindacati -. Una mancanza di approvvigionamento si registrerebbe anche in termini di vettovaglie in plastica, tanto che in alcune sedi il personale della mensa avrebbe provveduto in proprio all’acquisto di piatti e posate in plastica”.

E non è tutto: le immagini fotografiche allegate alla lettera sono decisamente eloquenti. Scrivono ancora i responsabili delle organizzazioni sindacali: “Non verrebbe effettuato il controllo igienico sui generi alimentari, indispensabile per prevenire i pericoli di contaminazione alimentare, garantendo la sicurezza degli alimenti in tutte le fasi della catena alimentare; ed ancora nessuna verifica avverrebbe sulla presenza di ratti ed insetti (come previsto dal contratto d’appalto). Viene inoltre riferito che la Commissione Mensa di Aosta avrebbe riscontrato muffa nei frigoriferi, alimenti non conservati adeguatamente, frutta marcia e della lasagna preconfezionata riportante una data di scadenza ormai superata! Inoltre riferirebbero l’utilizzo di posate in plastiche assolutamente scadenti, che si spezzano durante l’uso, e la distribuzione di avanzi del pranzo nel pasto serale, frutta marcia, insalata con vermi, carote bruciate”.

Dov'è successo?

Leggi anche

16/09/2019

Ciclista di Borgaro muore mentre pedala nei campi di Ciriè. 50enne stroncato da un malore

Stava tranquillamente pedalando in sella alla sua mountain bike nelle campagne della periferia di Ciriè quando […]

leggi tutto...

16/09/2019

Valperga: all’Istituto comprensivo 3 alunni non entrano in aula. Non erano in regola con i vaccini

Prima i tre bambini di Ivrea che non hanno potuto fare il loro ingresso nella scuola […]

leggi tutto...

16/09/2019

Valperga: approvata la Variante parziale al Piano Regolatore. E il clima in paese si “arroventa”

La vita amministrativa e politica a Valperga è sempre stata, a memoria d’uomo, decisamente turbolenta. Ma […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy