Chivasso: i dipendenti Asl pagano il parcheggio, ma non trovano posto per colpa degli abusivi

Chivasso

/

06/11/2018

CONDIVIDI

Nel mirino della polemica è la Gestopark la società incaricata di gestire il parcheggio. Spesso la sbarra rimane alzata consentendo la sosta gratuita alla faccia di chi paga. E il sindacato Nursind scrive alla direzione generale

I dipendenti dell’ospedale hanno acquistato l’abbonamento per poter parcheggiare in tutta tranquillità e, invece, sono spesso costretti a mettere la macchina altrove perchè il nuovo parcheggio dell’ospedale è occupato da di non non paga la sosta. Accade a Chivasso. A denunciare il disservizio è ancora una volta Giuseppe Summa, segretario territoriale del Nursind, il sindacato delle professioni infermieristiche che nel segnalare l’anomalia ha scritto una missiva alla direzione generale dell’Asl T04 chiedendo maggiore sicurezza e garanzia dei posti per chi ha pagato l’abbonamento.

Un’altra storiaccia dovuta alla carenza di controlli da parte della Gestopark, la società incaricata di gestire il grande parcheggio, costato ai contribuenti alcune centinaia di migliaia di euro e che sorge accanto alla nuova ala dell’ospedale di Chivasso.

“Ci troviamo -dichiara Giuseppe Summa- a dover segnalare delle anomalie rispetto l’assegnazione di posti auto corrispondenti al numero di abbonamenti venduti. Nello specifico dal 17 ottobre scorso, sovente la sbarra in uscita risulta aperta e ciò significa, che chi non ha fatto l’abbonamento, può comunque godere gratis del parcheggio, poiché all’uscita non viene chiamato a versare il costo del ticket di sosta. Nei giorni passati , si è verificato più volte che il parcheggio fosse pieno, e i dipendenti con regolare abbonamento, fossero rispediti a parcheggiare esternamente per mancanza di posti. Una situazione inaccettabile”.

E come se non bastasse, nelle ore serali il parcheggio è popolato da estranei che rigano e danneggiano le auto parcheggiate, nonostante la presenza delle telecamere di videosorveglianza che, evidentemente, non fungono da deterrente.

“Non dobbiamo dimenticare che buona parte del personale sanitario, è di sesso femminile. Ed è per questo che abbiamo chiesto alla ditta Gestopark per mezzo dei vertici dell’Asl T04, maggiore sicurezza e soprattutto che ai dipendenti con regolare abbonamento, venga garantita quantomeno la possibilità di sostare al piano superiore a costo zero, qualora quello dedicato fosse pieno”.

Dov'è successo?

Leggi anche

18/11/2019

Previsioni meteo: ancora pioggia e neve in Canavese e in Piemonte. Settimana all’insegna del maltempo

La nuova ondata di maltempo è già attesa per la serata di oggi, lunedì 18 novembre. […]

leggi tutto...

17/11/2019

Maltempo in Canavese: nelle Valli di Lanzo e in Valle Orco ancora case senza elettricità

“Ritengo gravissimo che l’energia elettrica nelle valli alpine e appenniniche, in particolare in diverse zone delle […]

leggi tutto...

17/11/2019

Oglianico: uno speciale albero di Natale realizzato con lana e uncinetto per aiutare chi è in difficoltà

Un albero di Natale fuori dai canoni classici, cucito con ago, filo, uncinetto e lana. Un’opera […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy