Chivasso, ai domiciliari presunto antagonista per i violenti scontri con la polizia

Chivasso

/

12/09/2015

CONDIVIDI

La Digos ha identificato sei presunti antagonisti del centro sociale Askatasuna che presero parte agli scontri durante un comizio di Matteo Salvini

E’ di Chivasso uno dei sei presunti antagonisti che il 28 marzo scorso hanno preso parte attiva in alcuni violenti scontri nel centro storico di Torino durante una manifestazione organizzata dalla Lega Nord al quale aveva partecipato il segretario nazionale Matteo Salvini.

Dei sei presunti antagonisti identificati dagli agenti della Digos, due si trovano in carcere e gli altri quattro sono finiti agli arresti domiciliari. Tra questi ultimi si trova anche D. P., 36 anni. Gli inquirenti considerano l’uomo come uno degli esponenti di un certo rilievo del Centro sociale “Askatasuna” di Torino.

Giovedì scorso gli agenti di polizia si sono recati a Chivasso nell’abitazione in cui D. P. vive con la compagna e un bambino di pochi anni. All’uomo e agli altri cinque presunti antagonisti sono stati contestati a vario titolo i reati di resistenza aggravata a pubblico ufficiale in concorso e lesioni personali aggravate. Alla contromanifestazione, stando alla ricostruzione della Digos, che ha preso l’avvio da piazza Castello, avrebbero preso partecipato anche un centinaio di antagonisti che hanno agito con il volto coperto. Il comizio di Matteo Salvini aveva avuto luogo in piazza Solferino. I partecipanti al corteo si erano diretti via Pietro Micca ma erano stati bloccati dall’ingente spiegamento di forze dell’ordine.

Gli antagonisti avevao cercato di aggirare il blocco passando da via XX Settembre. Qui è avvenuto lo scontro con altri agenti caratterizzato dal lancio di oggetti contundenti, bombe carta, uova, fumogeni e bottiglie. Alcuni agenti di polizia riportarono ferite di vario grado. Le indagini per identificare altri partecipanti alla contromanifestazione proseguono a ritmo serrato.

Leggi anche

27/01/2020

Assolto 47enne denunciato per evasione. Quando i carabinieri lo hanno cercato a casa dormiva

L’uomo si trovava agli arresti domiciliari per scontare una pena di sei mesi per ricettazione. Alle […]

leggi tutto...

27/01/2020

Agliè: Jlenia e Cristian sono i nuovi Conti di San Martino. Il Carnevale entra, adesso, nel vivo

Sono Jlenia Garofalo, 40 anni libera professionista e Cristian Trabucco di 30, imprenditore agricolo e autotrasportatore, […]

leggi tutto...

27/01/2020

Ozegna: violento scontro tra auto sulla “provinciale” 222. Feriti i conducenti delle vetture coinvolte

Due feriti e due auto semidistrutte: è il bilancio di un drammatico incidente stradale che ha […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy