Ceresole Reale, accorato appello dell’Uncem: “Salviamo la biblioteca dedicata a Gianni Oberto”

Ceresole Reale

/

19/08/2017

CONDIVIDI

Il presidente della delegazione piemontese Lido Ribo: "Esporrò il problema al presidente della Regione Chiamparino e alla sindaca della Città Metropolitana Chiara Appendino"

Anche l’Uncem scende in campo per evitare la paventata chiusura della biblioteca di Ceresole Reale in Valle Orco che porta il nome di Gianni Oberto: il taglio dei contributi e gli elevati costi di gestione non consentono all’associazione “Amici del Gran Paradiso” che ha finora mantenuto in vita la struttura di prolungare l’attività della biblioteca che custodisce al suo interno un vero tesoro letterario.

La figura di Gianni Oberto, avvocato eporediese, ex presidente della Regione Piemonte, del Consiglio Regionale, della Provincia di Torino e del Parco del Gran Paradiso è ben presente nella memoria della Giunta e del Consiglio dell’Uncem e negli amministratori locali delle Terre Alte piemontesi. Gianni Oberto, nella sua lunga attività politica ha sempre creduto e puntato molto nello sviluppo del territorio: lo dimostrano, tra le altre cose, la creazione del Salone della Montagna e tutta una serie di importanti iniziative per salvaguardare l’economia montana.

Gianni Oberto fu anche vicepresidente dell’Uncem dal 1956 al 1970. Commenta il presidente della delegazione piemontese dell’Uncem Lido Ribo : “Una grande figura, un pilastro per Uncem. Gran parte della sua biblioteca, oggi custodita a Ceresole, è certamente una risorsa importantissima. Sono convinto serva un’opera di valorizzazione e promozione della quale parlerò nei prossimi giorni al Presidente Chiamparino e all’Assessora regionale alla Cultura Antonella Parigi, oltre che alla Sindaca della Città metropolitana, Chiara Appendino”.

La mobilitazione continua per salvare non solo un’istituzione, ma un servizio essenziale per i turisti e la popolazione della Valle Orco.

 

Dov'è successo?

Leggi anche

22/02/2018

Volpiano: intossicati dai fumi in azienda. Due operai finiscono all’ospedale di Chivasso

Lievemente intossicati mentre stavano lavorando all’interno di un’azienda specializzata nell’automotive: due operai sono finiti in ospedale […]

leggi tutto...

22/02/2018

Caselle: la polizia di frontiera ha fermato 73 clandestini che cercavano di entrare in Italia

Arrestati e denunciati perchè cercavano di fare il loro ingresso in Italia sbarcando all’aeroporto “Sandro Pertini” […]

leggi tutto...

22/02/2018

Canavese: la Guardia di Finanza di Lanzo “becca” in flagrante un altro “furbetto del cartellino”

Timbrava il cartellino in un orario precedente a quello effettivo arrivo sul luogo di lavoro e […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy