Castellamonte, Giovanni Maddio raccoglie il testimone da Mascheroni e si candida a sindaco

Castellamonte

/

23/04/2017

CONDIVIDI

Scoppia la "pace" tra il vicesindaco e l'assessore uscente Nella Falletti dopo cinque anni di profonde divergenze. Il programma si basa su nuove idee e opere utili alla crescita della città

Si chiama “Per la nostra terra, per la nostra città” la lista civica che candida a sindaco di Castellamonte il vicesindaco uscente Giovani Maddio: una lista che nasce nel segno della continuità con l’attuale amministrazione guidata per due mandati dal sindaco Paolo Mascheroni. L’unità d’intenti è tale che l’assessore alla Cultura e Sport Nella Faletti ha messo da parte le profonde divergenze di vedute che per anni l’hanno separata dal resto dell’esecutivo.

Pace forzata, dunque, all’insegna del comune interesse a dar vista a una lista capace di fronteggiare quella guidata dal consigliere di opposizione Pasquale Mazza e del Movimento 5 Stelle.

La presentazione ufficiale della lista ha avuto luogo al ristorante “Tre Re” di Castellamonte alla presenza del primo cittadino uscente Paolo Mascheroni che ha espresso la propria personale soddisfazione per la presenza nella lista dei giovani. Giovanni Maddio punta, per il prossimo confronto amministrativi di giugno, sulle nuove idee e sulla futura capacità di proporre Castellamonte quale polo di aggregazione economica e culturale indipendentemente dalla Mostra della Ceramica cercando di raggiungere in corsa Rivarolo Canavese, che oggi può essere annoverata come la capitale economica e morale del Canavese Occidentale.

Il programma della lista civica “Per la nostra terra, per la nostra città” si basa anche sulla realizzazioni di opere non certo faroniche ma utili per rendere la città ancora più vivibile. In lista con Maddio figurano anche Barbara Barengo, Emanuele Camagna, Elena Dura, Nella Falletti, Daniele Goglio, Alessandro Marotta, Paolo Rua, Rocco Santoro, Maurilio Savoia Carlevato, Astrid Sento, Giuseppe Tomaino e Luciano Tomasi Cont.

Dov'è successo?

Leggi anche

16/01/2018

Leinì, donna entra al Pam e ruba cinque bottiglie di champagne. Invece di fare festa è finita in carcere

E’ entrata nel centro commerciale Pam di Leinì già con l’intenzione di rubare quelle cinque bottiglie […]

leggi tutto...

16/01/2018

Favria, rivoluzione in Comune. Parte l’informatizzazione degli uffici. Investiti 59mila euro

Il Comune di Favria ha avviato un progetto di informatizzazione degli uffici comunali che andrà avanti […]

leggi tutto...

16/01/2018

Ivrea, i teppisti riempiono di schiuma le auto in sosta. La Lega Nord: “In città troppi atti vandalici”

Troppi atti vandalici in città e la Lega Nord Canavese ritiene che sia ora di porre […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy